Barletta, presentato Piano regionale coste. L’ing. Vitofrancesco : «I Comuni dipingano la cornice del Piano»

0
532

Al tavolo di discussione hanno preso parte il dirigente del settore Demanio della Regione Puglia,  Ing.  Giovanni Vitofrancesco, l’assessore alle Politiche del territorio, arch. Azzurra Pelle, il dirigente dell’Area tecnica, Giuseppe Merra, il sindaco Cascella e  i consiglieri e i dirigenti regionali, provinciali e comunali.

“Questo è un lavoro che interessa l’intera comunità – ha esordito il sindaco Cascella –  spero che da questi incontri possa derivarne un ottimo contributo per il territorio. La nostra costa parte dalla foce dell’Ofanto sino ad Ariscianne ma purtroppo come ben sappiamo è “minacciata” dalla sporcizia del canale Ciappetta  Camaggio ma ciò nonostante abbiamo un patrimonio da valorizzare affinché si dia un’ immagine nuova alla nostra città.”

Delineando le linee guida del Piano regionale delle coste  alla cui stesura  l’ing. Vitofrancesco  ha partecipato, il dirigente regionale ha proseguito: “Già con il decreto legislativo 85 del 2010 era previsto che il demanio pubblico fosse di competenza regionale, ma ad oggi tale decreto non è stato ancora del tutto adottato, ma tenendo conto invece di  quanto previsto dalla legge regionale 17 del 2006  è importante che il piano regionale preveda  una  maggiore accessibilità da parte delle Pubbliche Amministrazioni al demanio marittimo e che le stesse mirino ad uno sviluppo sostenibile della costa tutelando la qualità paesaggistica e dell’ambiente. A differenza del piano spiagge che aveva un obiettivo prettamente commerciale il piano coste  mira a far sì che i Comuni “dipingano la cornice”  del piano stesso adottandolo nelle proprie amministrazioni,  altrimenti non si avrà ne uno sviluppo sostenibile ne tanto meno maggiore occupazione. Inoltre nel piano regionale abbiamo dato priorità alle zone costiere che presentino scarsa erosione e in più abbiamo anche previsto dei fondi per in cosi detti usi discriminatori ovvero gli stabilimenti balneari con la condizione che gli imprenditori balneari valorizzino le coste.  Ma nonostante il Piano  sia molto flessibile – ha concluso Vitofrancesco – sono deluso  dal fatto che pochi comuni abbiamo  adottato  il  Piano già posto in essere nel 2011.”

“In questo incontro  non vogliamo che vengano presentati solo problemi ma se è possibile anche proposte dai diversi operatori – ha precisato l’assessore Pelle – il piano comunale  è in fase formativo  in quanto è stato già analizzato nella precedente amministrazione.”

A tal proposito è intervenuto anche il consigliere regionale Mennea, vicepresidente della Commissione regionale alle attività produttive , affermando che : “Il Piano  regionale credo sia stato trattato in maniera frettolosa dalla Regione e che la nostra città sia stata poco analizzata non tenendo conto che Barletta  ha una costa lunga 1km e 900 metri e  che “deve fare i conti” con la foce dell’ Ofanto e il Ciapetta Camaggio oltre al fatto che scarsa è la presenza di impianti di depurazione adeguati. A mio avviso bisogna fare un’ analisi supplementare prima che a Barletta il piano venga applicato soprattutto ora che la legge regionale del 2006 è in fase di revisione, non è un caso che circa 69 comuni non abbiamo ancora adottato il piano regionale .”

Immediato  è stato il botta e risposta del dirigente Vitofrancesco che ha replicato a quanto esposto dal consigliere regionale,  sostenendo: “E’ dovere civico dei Comuni ripulire i canali come il vostro Ciappetta Camaggio , la Regione può solo delineare i parametri e le regole che i Comuni devono adottare, noi  piuttosto vogliamo semplificare la burocrazia  renderla più flessibile, anche per ciò che concerne le concessioni balneari, in modo da valorizzare il demanio marittimo. Le istituzioni devono dialogare fra loro e il piano regionale deve andare  di pari passo con i piani comunali cercando di ottimizzare  le risorse finanziare messe a disposizione seppur limitate”.

Dora Dibenedetto

[nggallery id=879]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here