Andria e la Notte Bianca. Unimpresa Bat: «Ripensare lo sviluppo economico e ripartire»

0
131

 Proprio Unimpresa rivolge un plauso ai rappresentanti di questo Comitato: “Un Comitato organizzatore al quale va il riconoscimento di aver avuto coraggio e capacità di assumersi responsabilità nonostante condizioni ambientali che avrebbero addirittura potuto far desistere così come è accaduto per altre manifestazioni pur programmate nel periodo natalizio e festivo dal comune di Andria ma poi abortite.”. L’auspicio è che questa manifestazione sia la prima di una lunga serie di eventi che possano coinvolgere il più alto numero possibile di cittadini, di quartieri urbani e di imprese. Sebbene i fondi a disposizione non siano ingenti e preoccupante è la mancanza di liquidità delle famiglie italiane, grande è la passione e lo spirito di fare, mostrato dagli organizzatori della “Notte Bianca”, il che lascia ben sperare per il futuro. Dice Unimpresa: “Questo evento, di fatto, chiude il ciclo delle festività natalizie anche ad Andria ed ecco che proprio da questo mese di gennaio è necessario ripensare completamente allo sviluppo economico della città e comprendere fino in fondo quale importanza si voglia dedicare ad un settore tanto emarginato anche nella destinazione di investimenti pubblici, irrisori e quasi invisibili o comunque utilizzati malissimo.”.

Ripartire pare essere la parola d’ordine e, per tale ragione, Unimpresa ricorda, come anche il passaggio di via Regina Margherita ( sempre ad Andria) a Zona a Traffico Limitato potrà dare il suo apporto benefico in termini economici alla città: “La zona pedonale di via Regina Margherita, intanto, si prepara all’auspicata trasformazione definitiva in Z.T.L. (Zona a Traffico Limitato) e questo deve accadere al più presto, proprio per evitare che i prossimi mesi siano ancor più drammatici e per dar seguito alle reali volontà espresse anche tramite un’azione impegnativa e istituzionale come quella svolta dalla 3^ Consulta Comunale che non può essere resa vana ed inutile per motivazioni non sempre chiare e comunque estranee alle ambizioni e alle aspirazioni espresse in più circostanze, da più parti.”

Michele Noviello

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here