Bisceglie, l’Amministrazione rifiuta sconti sui biglietti del Teatro per politici e dirigenti comunali

0
74

La decisione rientra nell’ambito di un percorso che l’amministrazione comunale di Bisceglie già da febbraio 2013 ha avviato, con atto monocratico del Sindaco Spina n.6/2013,  che mira alla moralizzazione della vita e dell’attività amministrativa e all’eliminazione di ogni eventuale privilegio dell’apparato politico e burocratico del Comune.

A tal fine, nel mese di maggio, è stato approvato il Piano di Prevenzione della corruzione, dai cui principi deriva  il divieto per i dipendenti e gli amministratori di accedere a prestazioni e servizi a condizioni differenti rispetto agli altri cittadini. Coerentemente, il Sindaco e l’intera giunta si sono privati, per la prima volta nella storia comunale, dell’uso di telefonini “di servizio”, con notevole
risparmio per le casse comunali.

Per questi motivi, oggi il Sindaco di Bisceglie, Francesco Spina, ha declinato e rifiutato  la proposta del Teatro Pubblico Pugliese di applicare degli sconti speciali ad assessori e dirigenti agli abbonamenti della Stagione teatrale 2013/2014 del Teatro Garibaldi. “Plaudo al cambio di rotta in termini di trasparenza con cui quest’anno il Teatro Pubblico Pugliese sta gestendo la promozione e l’organizzazione della stagione teatrale – ha sottolineato il Sindaco Francesco Spina -. Con la nuova
amministrazione comunale, però, ho inteso dare una svolta definitiva alle sacche di privilegio che “resistevano” nella consuetudine di alcuni politici cittadini”.

“Ho inteso così avviare in modo inesorabile ed irreversibile il percorso di democratizzazione, integrità e trasparenza della macchina amministrativa comunale biscegliese – ha spiegato il Sindaco -. In ogni nostro rapporto contrattuale, ad esempio, vi è esplicito divieto per assessori, dirigenti ed il personale di avere rapporti con le ditte contraenti e con i gestori dei servizi pubblici comunali”.

“Prendo la proposta del Teatro Pubblico Pugliese come un cortese invito forse nel solco di vecchie consuetudini oramai desuete nella nostra città, ma a nome dell’amministrazione comunale e di tutto il personale del Comune di Bisceglie, per dovere di legge e mi sia consentito anche per una scelta netta fondata su un forte senso etico della mia amministrazione comunale, non posso che rifiutare in modo categorico l’agevolazione tariffaria proposta”, ha concluso il primo cittadino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here