Bisceglie, Casa Divina Provvidenza: sì del Tribunale all’amministrazione straordinaria. Usppi: «Giustizia fatta»

0
236

“Falliti quindi definitivamente le posizioni o le pseudo ragioni dei commissari giudiziali che si erano battuti per il fallimento dell’ente.  GIUSTIZIA FATTA QUINDI PER UN SINDACATO  SCOMODO CHE AVEVA DENUNCIATO LE INCOMPATIBILITÀ DEGLI STESSI COMMISSARI GIUDIZIALI che erano consulenti della regione Puglia e nello stesso tempo nominati commissari giudiziari contro il Don Uva” dichiara con soddisfazione il Segretario Generale Usppi Nicola Brescia e i Segretari Nicola Preziosa, Mimì Porcelli e Demetrio Papagni, che hanno sempre creduto nel salvataggio dell’ente.

 Infatti sarebbero stati vani i sacrifici fatti da tutti i lavoratori che sono fuoriusciti con la mobilità per assicurare l’esistenza ed il futuro dell’ente,  i sacrifici fatti dai fornitori e dai loro dipendenti che hanno rinunciato al 50% dei propri crediti e hanno ridotto il 18% del loro commesse. Bene ha fatto, secondo loro,  il Presidente del Tribunale Fallimentare a concedere all’ente ecclesiastico l’opportunità di richiedere l’amministrazione straordinaria presso il ministero delle politiche economiche.

 Grande soddisfazione viene espressa dal Segretario Brescia e da Preziosa che hanno sempre creduto nell’ente ecclesiastico, nel suo futuro e soprattutto convinti che si potesse continuare ad adoperarsi per i pazienti ed i lavoratori. “Quindi scongiurato il fallimento, si può ripartire con entusiasmo mettendo nelle condizioni lente di poter rialzare la testa andare avanti e guardare al futuro dei  pazienti e dei lavoratori. È una grandissima vittoria” commentano all’ Usppi poiché il risultato pone seri paletti per il futuro dell’ente.

L’Usppi Puglia comunica l’esito dell’incontro, tenutosi presso il Ministero del Lavoro, da parte delle Congregazione: “E’ stato confermato il diritto alla spettanza dell’indennità in oggetto da parte dei lavoratori collocati in mobilità”.

 Il Ministero del Lavoro sta provvedendo di concerto con l’Inps alla verifica delle posizioni individuali dei singoli lavoratori al fine di determinare la media dei beneficiari nel periodo di così come previsto dalla normativa. L’ente ha provveduto a trasmettere l’elenco dei lavoratori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here