Regione Puglia, in Consiglio legge su gioco d’azzardo. Pastore: «Un buon inizio»

0
134

“Sono molto soddisfatto per la celerità con cui si torna a discutere di tale proposta di legge, di estrema importanza. Considerate tutte le criticità e le presunte incompatibilità con il piano sanitario, alla nostra regione serve con assoluta urgenza una legge che faccia da argine al gioco d’azzardo e ai danni sociali, economici e di salute che provoca, sviluppando una dipendenza tale da essere, appunto, patologica”, dichiara Pastore.

“Come ho già più volte detto, per me quella che andremo a discutere e approvare non è la legge perfetta ma è un buon inizio per affrontare il problema della dipendenza dal gioco d’azzardo nella sua complessità”.

L’evoluzione del fenomeno del gioco d’azzardo indica nel nostro Paese una crescita esponenziale: l ’Italia è il terzo Paese nel mondo dopo Giappone e Regno Unito per volume di gioco, ed il primo per spesa pro capite: circa 1260 euro di spesa procapite.

Tra il 2003 e il 2010 il volume del gioco d’azzardo in Italia ha avuto un andamento crescente, aumentando con l’aumentare della crisi economica:

2007 – 42 miliardi,
2008  – 47,5 miliardi,
2009  – 53 miliardi,
2010  – 61 miliardi,
2011   – 76 miliardi

Il forte aumento della pressione pubblicitaria avrebbe determinato una maggiore propensione a giocare d’azzardo con conseguente crescita della patologia. Negli ultimi anni si è riscontrato un proporzionale aumento di livello consumo, abuso e dipendenza. Secondo stime del Dipartimento delle Politiche Antidroga si rischia di passare dal quadro degli anni 2007-2008, in cui l’incidenza del gioco patologico era pari all’1% e quella del gioco problematico pari al 5% della popolazione, ad un’incidenza del gioco patologico pari7-10% e del gioco problematico del 10-18% . (Dati CESDA).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here