Margherita di Savoia, primo passo verso “Rifiuti Zero”: l’Amministrazione incontra Ercolini

0
199

L’incontro, organizzato dall’ associazione Artemia Salina e coadiuvato dai rappresentanti provinciale (Sabrina Salerno) e regionale (Alessandro Zagaria) del Comitato di promozione della legge di iniziativa popolare “Rifiuti Zero”, recentemente depositata a Roma, per una, ci auguriamo rapida, futura discussione in Parlamento, è servito per fornire ulteriori chiarimenti a riguardo della possibile adozione della strategia “Rifiuti Zero” a Margherita: si è manifestata la volontà di metterla concretamente in pratica, il primo passo dovrà essere l’adozione di una apposita delibera. “Questa è la terza visita da parte del tecnico toscano dalle nostre parti e ci auguriamo sia quella buona. In passato l’avevamo già ospitato come relatore in occasione di una conferenza, da noi organizzata e tenutasi l’11 febbraio 2012 in materia di rifiuti (qualche tempo prima di vedere Margherita di Savoia alle prese con l’attuale metodo di raccolta) e successivamente, in occasione di un workshop sui rifiuti tenutosi a Foggia, durante il quale avvenne un incontro con un assessore della vecchia amministrazione, ma senza reali sviluppi in merito alla causa. Perseverando, siamo arrivati ad oggi, e l’accoglienza che abbiamo registrato da parte dell’amministrazione è stata davvero calorosa. Siamo un comune provato da questa difficile prima esperienza con la gestione “porta a porta”, non priva di punti di criticità, tuttavia, ciò non deve scoraggiare”, dichiarano i referenti di Artemia Salina.

Il nostro primo cittadino si è detto disponibile ad attingere al modello virtuoso del Comune di Capannori, capofila dei comuni italiani che hanno aderito alla strategia. Si è trattato proprio di questo: chiedere informazioni specifiche a chi le cose le fa, e le fa meglio! Perché non manifestare umiltà, infatti, quando ci sono tecnici volontari che fanno parte di una catena di comuni virtuosi (125 al momento) che possono aiutarci dando preziosi consigli?”.  L’applicazione della strategia comprende una visione rivoluzionaria che mira ad una bassa percentuale di conferimento dei rifiuti in discarica. Questo mediante la promozione del riuso e della riduzione alla fonte, ma anche, per esempio il “lancio” della filiera corta, grazie alla quale numerosi prodotti possono esser venduti, privi di confezionamenti ed imballaggi (si pensi a legumi, ortaggi, spezie, detersivi, latte acqua alla spina, ad esempio), evitando, così, inutili sprechi di materiale e favorendo i piccoli produttori locali e la loro genuinità.

[nggallery id=783]

L’incontro è risultato interessante poiché ricco di spunti: il fulcro di tutto è stato parlare dei rifiuti non come problema, ma come risorsa. Il sindaco ha chiesto ed ottenuto una promessa di collaborazione tecnica con Ercolini, per avviare Margherita verso le buone pratiche e il modello virtuoso del Comune di Capannori. Ercolini ha sottolineato come Margherita sia un territorio che per caratteristiche fisiche, ambientali e strutturali, nonché per le sue straordinarie risorse, avrebbe probabilmente da trarre molti vantaggi dall’applicazione della strategia Rifiuti Zero. Ercolini è stato inoltre omaggiato dall’amministrazione con una piccola scultura in sale, simbolo dell’identità cittadina. Anche l’associazione Artemia Salina ha voluto fargli un piccolo presente: una maglia dell’associazione, metafora del suo tesseramento onorario .

Nel pomeriggio una delegazione comunale capitanata dagli stessi assessori si è inoltre recata alla conferenza tenutasi a Barletta, organizzata dal Comitato provinciale e nella quale Ercolini è intervenuto, raccontando ai partecipanti, i meccanismi e i successi reali della strategia “Rfiuti zero”, ormai registrati in Italia e nel mondo.

 

Fonte: COMUNICATO ARTEMIA SALINA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here