Margherita di Savoia, incontro sui bandi Gac “Gargano Mare”: opportunità nel settore della pesca

0
220

Ad accogliere relatori e cittadinanza, il sindaco Paolo Marrano e l’assessore alle Attività produttive Grazia Galiotta. “Il nostro Gac – sottolinea Nunzio Stoppiello, presidente del ‘Gargano Mare’ – intende scommettere molto sulla comunicazione e la divulgazione del proprio Piano di Sviluppo costiero, convocando un secondo incontro informativo sul territorio che, dopo quello tenuto a Manfredonia, si terrà questa volta a Margherita di Savoia”. L’incontro è destinato prevalentemente a rappresentanti delle Associazioni di categoria della pesca: pescatori, imprese di pesca, acquacoltori, imprenditori ittici e tutti i possibili beneficiari delle azioni finanziate.

Il Gac ‘Gargano mare’ opera dal 2011 nei Comuni della fascia costiera da Vieste a Margherita di Savoia e ha emanato alcuni bandi pubblici previsti dal Psc, finalizzati all’attuazione di determinate azioni rivolte alle imprese della pesca, dell’acquicoltura e alle comunità che vivono di pesca. Alcuni interventi riguarderanno proprio le infrastrutture e i servizi per la piccola pesca e il turismo locale. Il programma (che oltre a Vieste e Margherita riguarda anche Mattinata, Monte Sant’Angelo, Manfredonia e Zapponeta) utilizza gli strumenti finanziari previsti dall’Asse IV del Fondo Europeo della Pesca, a favore delle comunità di pesca e delle sue imprese dei territori compresi.

I bandi pubblicati dal Gac (consultabili sul sito www.gacgargano.it) sono del tipo ‘stop and go’: aperti e chiusi entro brevi intervalli. Riguardano investimenti a bordo dei pescherecci e selettività (Azione 4.a.3),  promozione del pescaturismo (Azione 4.c.1), promozione dell’ittiturismo (Azione 4.c.2). E ancora, progetti pilota per sperimentare, in condizioni simili a quelle reali del settore produttivo, l’affidabilità tecnica o la vitalità economica di una tecnologia innovativa; sostegno alle infrastrutture e i servizi per la piccola pesca e il turismo a favore delle piccole comunità legate al mare.

“L’economia sconta la crisi delle attività tradizionali come la pesca – osserva il sindaco Marrano – , il cui contributo in termini di ricchezza e occupazione è ormai marginale. Accogliamo quindi con favore l’attuazione di politiche del territorio, attraverso interventi attenti allo sviluppo, senza sacrificare la sostenibilità delle risorse marine. Informare i potenziali beneficiari è solo il primo passo per puntare alla necessaria crescita”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here