Shock a Canosa di Puglia, incendiata abitazione del consigliere comunale Cosimo Pellegrino

0
315

Secondo le prime ricostruzioni, alle 5 del mattino, una tanica di benzina è stata lanciata davanti al portone. Il liquido è penetrato sotto l’ingresso principale raggiungendo il corridoio di casa. E’ stato poi appiccato il fuoco che ha raggiunto anche l’interno dell’abitazione ed è stato domato grazie all’intervento prima di un vicino di casa e poi dei Vigili del Fuoco. La Polizia di Stato sta indagando sulla vicenda.

E’ questo l’ennesimo atto intimidatorio ai danni dell’Amministrazione comunale – dichiara il primo cittadino di Canosa (dopo il proiettile inesploso trovato al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Canosa e le minacce personali ricevute dallo stesso. A tal proposito stanno indagando la Polizia e i Carabinieri, ndr) -. Esprimiamo tutto il nostro sdegno per il vile e inqualificabile gesto che il consigliere Pellegrino e la sua famiglia hanno dovuto subire. Un gesto che va perseguito con tutte le energie dalle Forze dell’Ordine, affinché non passi la logica che un rappresentante delle istituzioni debba essere intimidito nello svolgere il suo compito. La dialettica e le diversità politiche vanno messe da parte quando si mina la libertà di ogni individuo. Non è la prima volta che la politica cittadina subisce questo genere di odiosa aggressione, ed anche questa volta, ne sono assolutamente certo, non ci sarà alcun condizionamento rispetto ad alcuno dei temi amministrativi all’ordine del giorno. I delinquenti ed i criminali devono essere contrastati e sconfitti con l’agire coerente e, talvolta, “coraggioso” al servizio della comunità, che ci ha affidato l’oneroso e onorevole compito di amministrare il presente e programmare il futuro. La bussola della nostra azione deve essere la legalità, senza tentennamenti e scorciatoie, da affermare e praticare nell’Aula del Consiglio comunale, negli uffici del Comune, nella strade della città”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here