Barletta, 2° meeting regionale Ecomusei. Pentassuglia: “Valorizzare il territorio”

0
193

All’incontro  organizzato dall’associazione “Barletta si fa in quattro”  e che  fa seguito al primo meeting regionale dello scorso 8 giugno, hanno partecipato il Sindaco di Barletta Pasquale  Cascella, l’assessore alle Politiche culturali Giusy Caroppo, i consiglieri regionali Donato Pentassuglia e Ruggiero Mennea, il prof. arch. Francesco Baratti del SESA (sistema ecomuseale del salento) , il dott. Giuseppe Petruzzo della REL Lombardia e i  rappresentanti degli ecomusei della Regione Puglia.

E’ fondamentale fare un partenariato anche con associazioni come Confagricoltura – ha commentato il consigliere regionale  Pentassuglia nonché presidente della quinta Commissione Ambiente – e i GAL  (gruppi di azione locale)  devono interagire con il territorio. Canne e Ariscianne sono perle che  dobbiamo mettere in rete con le altre realtà ecomuseali pugliesi, alla legge Mennea  del 2011 sulla valorizzazione e  divulgazione dei luoghi e della storia relativi alla Battaglia di Canne  e al regolamento sugli ecomusei  devono ora seguire i fatti”.

“Da settembre in poi bisogna  rilanciare la rete degli ecomusei avvalendoci di un laboratorio regionale  che coinvolga anche le istituzioni  e associazioni come l’ANCI (associazione nazionale comuni italiani)- ha proseguito Mennea – dopo la legge su Canne e sugli ecomusei le realtà dei musei all’aperto, potrebbero mettere in moto l’economia creando nuovi posti di lavoro cosi da trasformare  il vecchio TAC (tessile abbigliamento e calzaturiero) in un nuovo TAC incentrato piuttosto su turismo ambiente e cultura”.

Forte entusiasmo è stato espresso  dal prof. Baratti, il quale  facendo cenno alle realtà ecomuseli salentine ha ribadito la necessità “ di unire Canne con Barletta, in merito agli ecomusei ci sono anche dei progetti europei, un fermento di idee che mira a valorizzare il territorio; sto cercando anche di coinvolgere le università puntando ad un vero e proprio sviluppo locale. Importante  per il concetto di rete è anche il potenziamento delle infrastrutture, oltre  al coinvolgimento dei SAC (sistemi ambientali culturali) . Ma un aspetto molto importante degli ecomusei è di certo il connubio tra vecchie e nuove generazioni ovvero la sinergia tra moderno e tradizione.”

Dora Dibenedetto

[nggallery id=703]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here