Aeroporto Bari, inaugurato passante ferroviario: da Barletta 50 minuti in treno

1
942

All’evento, tenutosi presso la  sala conferenze dello snodo  ferroviario “Wojtyla”, erano presenti  insieme alle massime cariche istituzionali regionali e provinciali, anche  il sindaco  di Andria Francesco Giorgino,  il primo cittadino di Corato Renato Bucci, l’amministratore unico di Aereoporti  di Puglia Giuseppe Acierno,  il  presidente di Ferrotramviaria, Enrico Maria Pasquini e il direttore generale dell’azienda  medesima nonché  ideatore del progetto ferroviario,  ing. Massimo Nitti.

La Ferrotramviaria ha svolto il ruolo di  soggetto attuatore a seguito della nomina da parte dell’ente regionale pugliese per la realizzazione del passante ferroviario che collega l’aeroporto civile di Bari Palese all’infrastruttura delle ferrovie del nord barese sia in direzione Bari che in direzione Bitonto.  I lavori  iniziati nel maggio 2009 e completati a giugno 2013, hanno portato alla luce un passante ferroviario  a doppio binario lungo  7 Km,  la cui realizzazione è stata finanziata mediante l’ausilio dei fondi sia nazionali che europei per un importo pari a 71 milioni di euro.

Dal corrente mese di luglio l’aeroporto è accessibile in treno da Bari e da tutte le città servite da Ferrotramviaria; quando verranno completate le opere di interoperabilità nella stazione RFI di Bari centrale e Barletta centrale grazie al  “ Grande progetto” finanziato dalla Comunità Europea, l’aeroporto diverrà accessibile da tutte le città della Puglia e delle Regioni limitrofe permettendo lo sviluppo dell’aeroporto civile di Bari Wojtyla come riferimento  centrale  aeronautico per  tutto il sud Italia.

Il collegamento delle nostre ferrovie con l’aeroporto di “Karol Wojtyla” di Bari-Palese è una pietra miliare per l’intero territorio”  – ha sostenuto  il Presidente della Provincia di Barletta – Andria – Trani, Francesco Ventola – Si tratta di un’opera strategica, specie se vista in prospettiva dell’interramento della ferrovia di Andria e del potenziamento della stazione di Barletta, destinata a migliorare la qualità della vita dei nostri cittadini.  Da oggi la nostra Provincia, grazie ad un mezzo economico ed ecologico, è meglio collegata con i servizi aeroportuali, sempre più alla portata di tutti. E’ ulteriore motivo di orgoglio e soddisfazione da parte nostra – ha poi concluso il Presidente Ventola – aver contribuito alla realizzazione dell’opera attraverso la valutazione di impatto ambientale, per il tratto di competenza della Provincia, fornita in tempi davvero celeri.”

L’opera inaugurata questa mattina non è solo una nuova tratta ferroviaria che collegherà la stazione di Bari e di altri comuni all’aeroporto di Bari Palese. È una infrastruttura cruciale – ha sottolineato piuttosto il consigliere regionale socialista Franco Pastore –  per la mobilità dei pugliesi e non solo, e pone la Puglia e le sue città allo stesso livello delle città europee più all’avanguardia. È la prova che, anche in tempo di crisi, i giusti investimenti si possono e si devono compiere. Il futuro chiede una mobilità sostenibile, economica, un modello che bisogna perseguire fino in fondo. Ora – ha proseguito Pastore –  come ho già avuto occasione di ricordare una settimana fa, bisogna che si riprendano i progetti avviati in tale direzione, come quello della passante dell’ex distilleria di Barletta. Esso prevede un parcheggio in un’area, prospiciente via Vittorio Veneto, del vecchio complesso industriale e un sottovia pedonale che porti direttamente alla stazione ferroviaria, ora accessibile da quella parte attraverso un ingresso abusivo, noto come la ‘porta della Bari nord’.

Sarebbe opportuno  – ha concluso Pastore – che i soggetti coinvolti in tale progetto, comune di Barletta, regione Puglia e Rfi, si i rimettano attorno a un tavolo per fare il punto e capire come procedere. Questa mattina nel corso della inaugurazione della nuova tratta ferroviaria che collega all’aeroporto di Bari Palese e’ stata sottolineata l’importanza strategica del passante ferroviario barlettano, che collegherà, a partire già da domani, non solo i barlettani ma anche coloro che arrivano dall’area murgiana all’aereo stazione

“Un vero e proprio aeroporto all’avanguardia  – ha ribadito  l’amministratore unico,  Acierno –    un modello di intermobilità che presto si svilupperà anche nell’aereoporto di Brindisi”. Soddisfazione è stata espressa anche dal sindaco di Bari Michele Emiliano il quale si è definito  “ fiero  come del resto lo sono tutti i baresi di poter condividere il nostro aeroporto con tutti gli abitanti pugliesi, quella del passante è un opera progettata nel 2004 dall’ingegnere barese Massimo Nitti,  e che di sicuro esprime la giusta sinergia tra il sistema ferroviario e il sistema aeroportuale.”

Foto©Roberto Buscemi- Dora Dibenedetto

[nggallery id=699]

Dora Dibenedetto

1 COMMENTO

  1. Tante parole ma dimenticate la cosa più pratica ed interessante…gli orari???????????????????

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here