Canosa di Puglia, scoperta shock Nucleo Vigilanza I.F.A.E.: testa mozzata di equino e interiora lungo l’Ofanto

0
710

“I resti, consistenti in una testa mozzata e organi interni dell’animale, si presentavano intatti e, pertanto,  in uno stato di decomposizione tale da far pensare che l’abbandono era di qualche ora prima e, con molta probabilità, provenienti da macellazione clandestina e/o smaltimento illegale di scarti di animale (rifiuti speciali)”, dichiara Porcelluzzi.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here