A Barletta “Stati Generali”: la sen. Fedeli e il prof. Karrer insieme al candidato sindaco Cascella

0
202

Tra gli obiettivi c’è la necessità di ricostruire la città su se stessa, un obiettivo di primaria importanza e con grandi difficoltà, quello di rendere sostenibile una città già estesa e ancora in espansione, come spiega l’ex portavoce del Presidente della Repubblica, Cascella :” Una città moderna, aperta, solidale, inclusiva e capace di offrire opportunità di lavoro, di crescita e di felicità per tutti i suoi abitanti”. Ma a tal proposito proprio il candidato sindaco si domanda:” Chi non sa fare opposizione come pensa di ricostruire la città?” , lanciando una frecciatina, spiega che:” Questa alleanza di centro sinistra, è unita e comprende un arco di forze che mette in campo la prospettiva del cambiamento”.

Il candidato del centrosinistra non ha trascurato sin dal principio dell’incontro le scuse alla città per tutti gli errori commessi dalla precedente amministrazione, citando  il paradosso degli elettrodotti, l ‘intreccio creatosi  che non si è ancora risolto e che toglie fondi comunali per lavori non finiti.

Dieci le sfide che Cascella ha lanciato alla città. Dalla legalità, all’urbanistica, dal lavoro, all’ambiente, tutte rigorosamente basate su solide direttive. Immediato l’invito a ritrovare la Disfida, affinché Barletta possa essere la “città della Disfida tutto l’anno”. “Fondamentale- spiega Cascella- il codice etico, inteso come strumento di trasparenza che i cittadini possono far valere nei confronti degli eletti. Le polemiche non ci fanno paura e non ci interessano. Tra le priorità, fermare le varianti, completare e dare attuazione al Piano Urbanistico Generale oltre che sbloccare i progetti già definiti con l’Enel per l’ interramento degli elettrodotti, la soppressione dei passaggi a livello nel centro della città, conquistare la Bandiera Blu.” Continuando tra le sfide in progetto c’è quella di recuperare il patrimonio immobiliare comunale – ha affermato Cascella- rivalutarlo servendosi anche di un concorso di idee su progetti coi quali possano misurarsi giovani architetti e ingegneri di Barletta”.

Ed è proprio pensando soprattutto alle nuove generazioni che si dovrà aderire all’osservatorio Smart City dell’ANCI che consente di accedere ai finanziamenti per l’innovazione tecnologica (Fondo Europeo per l’Efficienza Energetica, Bando Smart Cities, Programma ELENA). Particolare rilievo è stato dato anche alla “sfida” della reindustrializzazione. “Dal 2000 a oggi – ha detto Cascella – Barletta ha subito una caduta di competitività nel settore tessile e calzaturiero con la perdita di 10mila posti di lavoro; allo stesso tempo, un gruppo di aziende leader del settore internazionale delle calzature di sicurezza ha conquistato il 25% del mercato dei dispositivi di protezione individuale. Non bisogna mai dimenticarsi quindi che esistono competenze e capacità produttive in grado di allargare il processo di trasformazione e riconversione specialistica al resto del mercato”.

A sostegno del candidato Cascella, gli interventi della senatrice Fedeli, la quale ha ricordato le cinque donne vittime del crollo del 3 ottore del 2011 in via Roma e che ha detto :” La coalizione con cui si presenta Pasquale Cascella è sicuramente una coalizione forte e credibile, una coalizione che serve all’Italia e questo è di per sé già una carta vincente. Per il programma- ha continuato l’ex sindacalista Fedeli- E’ un programma ambizioso, serio e credibile esattamente collegato alle forze politiche che lo sostengono.” E ha concluso con un elogio al candidato Cascella: ” E’ un uomo che ha fatto una grande e importante esperienza ma che allo stesso tempo è rimasto umano e vicino alle persone. E’ un’opportunità per l’ingresso di Barletta in Italia e viceversa”.

Al termine della manifestazione, Pasquale Cascella ha accompagnato la senatrice Valeria Fedeli a rivolgere il proprio omaggio in memoria delle vittime del crollo della palazzina di via Roma.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here