Barletta, il 25 aprile di Cgil, Anpi e Spi Cgil Bat: concerto “Per l’acqua, la terra, la dignità dei popoli”

0
135

Nella Festa della Liberazione ci sarà la musica, lo spettacolo e la proiezione di un video ma non mancheranno momenti di riflessione per ricordare il sacrificio dei partigiani e la vittoria della democrazia sui regimi.

 “Il 25 aprile – spiega Pasquale Gammarota, segretario generale Spi Cgil Bat – è un giorno di festa per tutti, il momento in cui la gioia e la commozione si intrecciano nel ricordare il sacrificio dei tanti giovani morti per la libertà del Paese. A loro dobbiamo quello che abbiamo e che siamo oggi. Invitiamo tutti i cittadini della provincia a partecipare perché non sarà solo una serata di spettacolo ma anche di riflessione per riaffermare i valori alla base della storia della nostra Patria”.

 “Abbiamo organizzato questa serata, insieme all’Anpi ed al sindacato dei pensionati – commenta Luigi Antonucci, segretario generale Cgil Bat – con l’intento forte e deciso di riaffermare l’idea che il 25 aprile è il 25 aprile e siamo contenti che a Barletta, dopo i festeggiamenti posticipati dell’anno scorso, il 25 aprile sia tornato ad essere il 25 aprile. La giornata della festa degli italiani per noi ha un valore troppo importante per lasciare che qualcuno possa dimenticare il significato di questa ricorrenza”.

 Programma della serata:

 ore 20.30 – Esibizione musicale di giovani gruppi del territorio;

 ore 21.30 – proiezione del cortometraggiodedicato alla memoria di Maria Grasso Tarantino,“Il coraggio di Anna”, realizzato degli studenti dell’Istituto “Colasanto” di Andria;

 ore 22.00 – “Concerto/Spettacolo per l’acqua, per la terra, per la dignità dei popoli” di Luca Bassanese & La Piccola Orchestra Popolare.

 In occasione delle iniziative di celebrazione della Liberazione saranno allestiti banchetti per la raccolta di firme:

-a sostegno della campagna nazionale “Io riattivo il lavoro”, per una proposta di legge di iniziativa popolare per restituire alla collettività i beni e le aziende sottratti alle mafie;

– per ribadire ancora una volta il diritto universale all’acqua potabile;

– per una “Proposta di piano anticrisi per Barletta”, ovvero un’assunzione d’impegno rivolto ai candidati alle prossime amministrative per il governo della città affinché adottino provvedimenti sociali ed economici nei confronti di quanti perdono il lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here