Cgil Bat, lettera aperta alle istituzioni del territorio sul dramma disoccupazione

0
149

Antonucci ha espresso e reso nota la sua incalzante  preoccupazione; si legge nella nota: “ La grave situazione del mondo del lavoro nella provincia di Barletta – Andria – Trani ha raggiunto, già da parecchio, un pericoloso livello di guardia ed è acuita dalla mancata erogazione degli ammortizzatori sociali in deroga, contributi per la mobilità e la cassa integrazione fermi alla fine dello scorso anno. Si tratta di due fattori che, col passare dei giorni, contribuiscono ad aumentare il rischio di forti tensioni sociali, anche in questo lembo di Puglia. Fino a questo momento, noi del sindacato, siamo riusciti a fare da cuscinetto tra le richieste sempre più pressanti dei lavoratori e le possibili risposte offerte dalle istituzioni; la disperazione ora sta portando le persone ad auto-organizzarsi al fine di scavalcare il ruolo delle organizzazioni sindacali. In alcuni Comuni è accaduto che gruppi di lavoratori abbiano “occupato” le sedi delle nostre Camere del lavoro alla ricerca di risposte immediate: il canone di locazione della casa non può attendere e nemmeno la rata del mutuo da pagare. Ogni giorno – si legge ancora nella nota –  nelle nostre sedi, avamposti a contatto con il mondo reale fatto di persone con bollette in scadenza e di figli da mantenere agli studi, avvertiamo palesemente il disagio e la difficoltà in cui versano molte famiglie. Si rivolgono a noi tanti lavoratori, molti dei quali appartenenti anche al cosiddetto “ceto medio”, per chiedere aiuto perché sono stati licenziati, a volte per le motivazioni più assurde: una richiesta di permesso non pervenuta all’azienda è già causa, in alcuni casi, di perdita della propria occupazione. È chiaro ed evidente che i datori di lavoro, a loro volta strozzati dalle difficoltà della crisi, sono ormai alla ricerca di pretesti per “fare spazio” ed alleggerire la mole delle spese.

Abbiamo sperato, come già fatto in passato, di riuscire a tamponare con le nostre forze queste situazioni ma ora chiediamo alle istituzioni, ciascuno per le proprie competenze, di non restare più a guardare e di intervenire. Dal canto nostro, noi rappresentanti della Cgil, siamo sempre pronti a partecipare a tavoli, task force o a qualsiasi iniziativa volta a fronteggiare la grave crisi occupazionale che sta investendo questo territorio spazzando via anche le poche sacche di benessere rimaste. Per tutte le ragioni sin qui espresse – si legge nella parte finale del comunicato –  il prossimo 23 marzo, abbiamo organizzato una manifestazione ad Andria che ha come slogan “IL LAVORO PRIMA DI TUTTO” alla quale parteciperanno i lavoratori di tutte le categorie, i disoccupati, gli anziani ed i giovani.

Invitiamo i rappresentanti delle istituzioni del nostro territorio: i sindaci  e i commissari p. dei dieci comuni della provincia, il presidente della Bat, Francesco Ventola, il prefetto, dott. Carlo Sessa ed il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ad essere al nostro fianco quel giorno ma soprattutto al fianco dei lavoratori che veramente, ora più che mai, non possono più essere lasciati soli mostrando di fatto la propria sensibilità al problema lavoro.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here