Barletta, caso Montaltino. La nota dell’ing. Carpagnano: «Intrecci tra famelici imprenditori e politicanti da quattro soldi»

1
200

“Devo dire in tutta onestà che non rimasi particolarmente stupito allorquando, nell’agosto del 2009, appresi la notizia che a Montaltino si sarebbero costruiti quasi duecento appartamenti, in un insediamento autodefinitosi “turistico-rurale” che si sarebbe realizzato ex novo in quel suggestivo borgo del XIV secolo (Monte Aldeno) che faceva parte dei famosi “sei casali di Barletta”, scrive l’ing. Carpagnano.

“Non era certo la prima volta che succulenti interventi edilizi ed urbanistici nella nostra Città venivano approvati in tutta fretta, da un consiglio comunale a ranghi ridotti, in giorni di
vacanze già in atto. Nella mia – purtroppo oramai lunga – attività di ingegnere libero professionista ho già visto molte altre ed altrettanto incredibili situazioni come quella, in cui gli intrecci tra famelici imprenditori edili e politicanti da quattro soldi partorivano consistenti scempi edilizi a danno della comunità e del territorio. Potrei farlo, ma ne risparmio la triste elencazione: anche perché gli effetti di questa sconclusionata urbanizzazione è sotto gli occhi di tutti e tutti ne stiamo subendo le conseguenze, anche in termini di sostenibilità urbana.

Quello che mi meraviglia, invece, di questa vicenda delle “villette di Montaltino” e che non avevo mai rilevato di tale gravità in altre simili situazioni, è la strenue quanto incompetente difesa del Comune di Barletta, negli atti del ricorso al Consiglio di Stato di cui oggi si parla.

In questo giudizio davanti al Consiglio di Stato, le argomentazioni tecniche addotte dal Comune di Barletta, a difesa del proprio appello, lasciano esterrefatti ed attoniti. Non possiamo più consentire che lo sviluppo edilizio ed urbanistico della nostra città continui ad essere gestito da funzionari pubblici che interpretano le leggi “ad usum delphini” e scrivono incredibili assurdità a difesa delle proprie interpretazioni, come si legge negli atti del ricorso al Consiglio di Stato che severamente le censura.

Il Collegio Giudicante è stato costretto a procedere alla verifica delle norme afferenti la pianificazione urbanistica del Comune di Barletta ed ha rilevato che l’interpretazione di
queste, data dai tecnici comunali, contrasta (non solo e non tanto) con dette norme così come interpretate, quanto con i principi e le disposizioni in tema di pianificazione urbanistica, contenute nelle Leggi Fondamentali dello Stato, in questa materia.

Che dire? E’ certo che la classe dirigente tecnica del nostro comune va riorganizzata. Non foss’altro per non continuare a fare figuracce al Consiglio di Stato, oltre che subire pesanti richieste risarcitorie che certamente ci saranno e che ovviamente ricadranno sugli ignari
cittadini.

Ma, è anche giunta l’ora di mandare in soffitta il nostro strano e vecchio Piano Regolatore e darsi da fare presto per il nuovo PUG”.

1 COMMENTO

  1. Xkè nn hanno continuato a costruire?? le case a Montaltino?? Sarebbe stato un bel passo avanti al’economia di Barletta. si sarebbero creati posti di lavoro x tutti i settori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here