Paolo Villaggio al Curci di Barletta, i disabili Sportinsieme Sud offesi dalle sue parole: «Sembrava un vero artista»

0
204

Perché se è vero che agli artisti è concessa qualche “licenza” in più nell’espressione dei propri pensieri e stati d’animo, ciò non deve travalicare mai il limite del rispetto della persona e soprattutto il rispetto della lotta quotidiana che ogni essere umano affronta per conquistare con dignità il proprio posto nel mondo. Un percorso di vita che, per le persone affette da disabilità, richiede un coraggio e una determinazione mille volte superiore, la cui derisione è inaccettabile.

Paolo Villaggio sarà ospite del Teatro Curci di Barletta, questa sera alle 21, con il suo spettacolo “La corazzata Potemkin” in cui ripercorre gli anni della sua vita e della fortunata carriera attraverso una carrellata di ricordi fatta di spezzoni di film, lettere, dialoghi con gli amici. Ad accoglierlo con un saluto amaro c’è un messaggio dei disabili dell’Associazione sportiva “Sportinsieme Sud”, attiva da anni sul territorio, tra grandi difficoltà legate al pregiudizio e alla scarsa sensibilità delle istituzioni, nella promozione dello sport come fonte di vitalità e inserimento sociale.

Il presidente, Ruggiero Lauroia, ricorda le parole di Villaggio nel corso della trasmissione “La zanzara”, su Radio 24, laddove disse:”La mia non è crudeltà ma è crudele esaltare una finta pietà. Questo è ipocrita. Sembrano Olimpiadi organizzate da De Amicis con dei ‘personaggini’. Non fa ridere una partita di pallacanestro di gente seduta in sedia a rotelle. Io non le guardo, fa tristezza vedere gente che si trascina sulla sedia con arti artificiali. Mi sembra un po’ fastidioso, non è divertente”.

E, facendo il verso proprio a questo commento,  così risponde: “I ragazzi della polisportiva Sportinsieme Sud “pallacanestro in carrozzina” salutano Fracchia che viene al teatro Curci di Barletta.

La mia non è crudeltà ma è crudele esaltare una finta pietà o divertimento. Questo è ipocrita. Sembrava un vero artista interprete di personaggini organizzati da De Amicis. Non fa ridere una persona che non interpreta ma lo è”.

Anche l’associazione “Disabilità Bene Comune” si unisce alla protesta e organizza per questa sera alle 20 un sit-in dinanzi al Teatro Curci “per rendere pubblica la nostra disapprovazione ed il nostro sdegno ad ospitare chi si espresse sulle paraolimpiadi in quel modo. Vi invitiamo a partecipare davvero e non solo qui su Fb  e ad avvisare personalmente amici e conoscenti sensibili al tema”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here