Bisceglie, crisi Casa Divina Provvidenza: PdL raccoglie 4 mila firme contro i licenziamenti

0
152

All’incontro hanno partecipato anche gli Assessori provinciali Antonia Spina e Giuseppe Di Marzio e gli Amministratori cittadini del Pdl.

Attraverso l’iniziativa, durata appena dieci giorni, si chiedeva di revocare immediatamente la procedura di licenziamento dei dipendenti e favorire le dimissioni di tutto l’attuale management, caratterizzatosi per assoluta inadeguatezza, incapacità gestionale e scarsa trasparenza.

Le oltre quattromila firme raccolte verranno consegnate nei prossimi giorni ai destinatari della petizione: il legale rappresentante della Casa Divina Provvidenza, il Presidente del Tribunale di Trani, il Ministro delle Attività Produttive, il Presidente della Regione Puglia, il Vescovo diocesano ed il Prefetto della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata presso il Vaticano.

[nggallery id=373]

“Chiudiamo quest’oggi la raccolta firme che ha visto una partecipazione popolare altamente superiore alle aspettative – ha commentato il Parlamentare Europeo Sergio Silvestris -. Nonostante i tempi ristretti, la città ha risposto in maniera notevole, accorrendo in massa ai nostri gazebo e sottoscrivendo una petizione per evitare la chiusura ed il licenziamento dei dipendenti della Casa Divina Provvidenza. Ringrazio i nostri concittadini che attraverso la propria firma hanno chiesto di tutelare i posti di lavoro di centinaia di dipendenti e di azzerare l’amministrazione dell’ente caratterizzatasi per manifesta incapacità.

Un sentito ringraziamento va anche alle organizzazioni sindacali, che hanno condiviso e supportato l’iniziativa. Il Tribunale si pronuncerà sull’istanza di fallimento il prossimo 8 novembre – ha poi proseguito l’On. Silvestris – , ma noi abbiamo voluto ribadire ciò che in questi mesi tutte le istituzioni ed i sindacati hanno affermato: perché la Casa Divina Provvidenza possa risanarsi, occorre che l’attuale management passi il testimone a chi è più capace ed onesto. Rispetto a questo abbiamo certificato una forte volontà popolare della comunità biscegliese”.

“Come da tempo sosteniamo, la Casa Divina Provvidenza è fondamentale per l’economia ed il futuro della nostra Città – ha invece affermato l’Assessore alle Attività Produttive della Provincia di Barletta – Andria – Trani Antonia Spina -. La soluzione di licenziare centinaia di dipendenti può definirsi in un solo modo: una porcheria. I lavoratori hanno già pagato in passato e non è possibile cercare di garantire la cura e l’assistenza dei pazienti della struttura attraverso tagli del tutto scriteriati”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here