Barletta, resoconto convegno della Flc Cgil Bat per la “Lotta al precariato nella scuola”

0
203

All’incontro, moderato dal coordinatore precari Flc Cgil Bat  Michele Scommegna e presieduto da Francesco Dambra segretario generale Flc Cgil Bat, sono intervenuti il segretario nazionale Flc Cgil Luigi Rossi , la segretaria generale Flc Cgil Puglia Angela Giannelli e il segretario generale Cgil Bat Luigi Antonucci.

Duro l’intervento del segretario nazionale Rossi, per la lotta al precariato: “ C’è uno smantellamento complessivo della scuola, questo è un ente che meriterebbe più investimenti; il nostro sindacato è forte in tutta Europa e ci avvaliamo della politica per difendere i diritti dei lavoratori.”

Una strenua difesa per una scuola pubblica più efficiente, garantita solo con un adeguato corpo docente e personale Ata ( Personale amministrativo tecnico ausiliario) è stato il nodo centrale sul quale si è articolata la discussione, durante la quale il segretario Cgil provinciale Antonucci ha sottolineato: “  Siamo al punto che la scuola è solo ormai per chi se la può permettere; l’università privata  Lum eroga 700mila euro in borse di studio stanziate con fondi provinciali a studenti che di certo non ne hanno  un necessario bisogno.”

Sulla scia di quanto esposto da  Antonucci, la segretaria Flc Cgil Puglia Angela Giannelli,  si è soffermata nel suo intervento conclusivo  sulle ragioni che spingeranno i sindacati a manifestare in tutta Europa il prossimo 14 novembre: “I sindacati compresa la Cgil, protesteranno anche nell’Unione Europea, e nello stesso giorno anche ad Andria ci sarà una manifestazione del nostro sindacato;  questa mobilitazione serve per dare un segnale alle politiche del governo Monti ma che si rifanno a quanto definito dalla BCE , la quale ha previsto maggiori licenziamenti e aumento dell’età pensionabile. Già con la legge 133 del 2008 – ha proseguito Gianelli –  che prevedeva un riordino del sistema scolastico abbiamo perso ben 4093 docenti e più di 2000 addetti Ata. Pertanto l’unica via di uscita per debellare il precariato è quella di far rivedere i provvedimenti legislativi dell’attuale governo al prossimo che verrà istituito. Oggi scadeva un concorso nazionale per docenti , ma mi chiedo perché il ministro Profumo ha bandito questo concorso se ci sono ancora docenti in graduatoria? L’unica risposta è che serve per eliminare quest’ultimi per rimpiazzarne altri con meno “gavetta” .

Dora Dibenedetto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here