Trani, resi esecutivi dalla Giunta Comunale tre Piani Urbanistici

0
129

A tale proposito,  il sindaco di  Trani Gigi Riserbato ha  sostenuto, in merito alle nuove prerogative previste dal testo unico che : “La giunta non ha fatto alcun colpo di mano. Tutto è pienamente concordato proprio con i consiglieri comunali, che pur privandosi, è vero, di una loro specifica prerogativa, quella della pianificazione urbanistica del territorio, hanno compreso la necessità di dare risposte rapide alla città in termini di efficienza ed efficacia e ad un settore, quello dell’edilizia e del suo indotto, che sono da sempre un volano dell’economia.”

A fronte delle nuove regole urbanistiche, sarà pertanto sbloccato il piano  messo a punto dall’ impresa Crescente, mediante il quale  sarà disposta  la costruzione di nuove  residenze  e della nuova chiesa parrocchiale di San Magno, fra le vie Di Vittorio e  Monte d’Alba.

Via libera sarà concesso anche alle imprese De Girolamo ed Azzollini, su via Falcone, e Curci fra via delle Forze Armate e via Leoncavallo. Anche in questi casi  il permesso di costruire prevede la realizzazione di edifici non oltre i cinque piani e quantità di servizi ridotti  in considerazione del fatto che le aree oggetto di intervento non sono molto vaste.

Ancora in sospeso restano i piani urbanistici esecutivi dell’impresa Cafagna, fra corso don Luigi Sturzo e via Bari, e quello dell’impresa Di Leo, fra via De Gemmis e via Bisceglie, sull’area che per un’estate è stata adibita per un park and ride. Ma proprio su quest’ultimo, il sentore è che si esprima  al riguardo il  commissariamento ad acta.

Del resto il Piano urbanistico  prevede la realizzazione di un edificio di cinque piani e di una “torre” di undici; entrambi gli edifici saranno divisi da un  parco con verde pubblico e specchio d’acqua, ed un ulteriore parco è previsto per far si che si raggiunga più agevolmente Giardino Telesio. Resta comunque  l’ipotesi che il commissario ad acta qualora valutasse il piano, potrebbe a sua discrezione e con dovute motivazioni anche rigettarlo e annullarlo.

 

Fonte: www.lagazzettadelmezzogiorno.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here