Barletta, convegno su “Controllo del territorio e sicurezza urbana”. Seccia: «La mafia foggiana interessata al territorio della Bat»

0
197

All’ incontro, moderato da Alessandro Porcelluzzi,  erano presenti  anche il Prefetto  della provincia Bat Carlo Sessa  e il Comandante della Polizia municipale del comune di Barletta, Savino Filannino.

“ Dobbiamo avere maggiore attenzione per la sicurezza del nostro territorio,  la mafia è presente  a meno di 100 km di distanza da Barletta, a Foggia”  – ha commentato durante il convegno il procuratore Seccia – la mafia è molto innestata nel tessuto economico foggiano, pertanto un accorpamento dei comuni della BAT, nella provincia di Foggia, potrebbe estendere l’interesse criminale anche nei comuni del nord barese.

La sicurezza è trasversale – ha proseguito Seccia – racchiude diversi ambiti e assume diverse forme esprimendosi in un insieme di regole che disciplinano il nostro vivere civile. Piuttosto  il problema della sicurezza è  legato alla percezione di quelle che sono le  violenze che ogni giorno possiamo subire.”

L’assessore Lanotte ha proseguito  denunciando la  carenza di agenti di polizia municipale nella città di Barletta, e come tale scarsità precluda una maggiore sicurezza sul territorio : “ Abbiamo necessità di uomini che creino presidi più articolati e intensi – ha commentato l’assessore comunale al controllo del territorio – tuttavia con i contratti a tempo indeterminato siglati da circa un anno per  i nuovi vigili urbani , abbiamo ridotto qui a Barletta il fenomeno delle auto parcheggiate in doppia fila.”

Il sindaco di Bari, Michele Emiliano, ha concluso il dibattito soffermandosi piuttosto sulla possibilità di  “creare un comitato antiracket , ma che nessuno ha il coraggio di farlo – ha sostenuto Emiliano. –  La mia è più che altro una ricerca dell’illegalità minuta come per esempio: tutelare  dalla prevaricazione malavitosa quelli che sono gli spazi riservati ai disabili creandone altri più consoni ed efficienti per coloro che hanno limiti motorii,  così come anche cercare di debellare il fenomeno dei parcheggi e dei parcheggiatori  abusivi, diffusissimo nella città di Bari. Pertanto per garantire maggior Sicurezza e maggiore legalità, scongiurando il proliferare di tali attività illecite, la nostra  amministrazione ha messo a punto  una strategia di Politica Criminale che può essere attuata solo mediante il Procuratore della Repubblica.  Se un giorno dovessi tornare  – ha concluso Emiliano – a fare il magistrato per il tribunale di Bari, di sicuro la mia esperienza di sindaco mi aiuterà ad essere un magistrato più strategico e competente,  su tutto che  concerne la  lotta all’illegalità presente sul territorio.”

 

Dora Dibenedetto

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here