Andria, discariche a cielo aperto nelle campagne: la denuncia del Comitato Quartiere Europa

0
138

Allo sconcerto nel vedere quanto incivili possano essere i cittadini anche nel terzo millennio, il Comitato accompagna le lamentele dei possidenti di quei terreni, contadini disperati per una condizione che quasi vieta la possibilità di coltivare quella terra. La neonata raccolta porta a porta mostra tutte le anomalie e le mancanze che un’esperienza nuova comporta; e alcune associazioni andriesi come il Comitato Quartiere Europa o il Movimento politico-culturale l’Alternativa denunciano come tali anomalie e mancanze abbiano un capro espiatorio proprio nell’Amministrazione comunale.

Per il Comitato del Quartiere Europa, intanto, l’area va assolutamente bonificata (precisamente nell’area attigua al depuratore comunale, oltre che della zona Pip.). I contadini che lavorano proprio quei terreni “sono disperati e non sanno più a chi rivolgersi dal momento che le loro segnalazioni non hanno ancora avuto seguito e la situazione peggiora di giorno in giorno. Sollecitiamo l’Amministrazione Comunale a bonificare le aree che tutti vedono in che stato si trovano e che non hanno più bisogno di essere segnalate e soprattutto si chiarisca a chi spetta ora il compito di curare e di ripulire e manutenere quelle che dovrebbero essere le aree verdi del Quartiere Europa ma che sono dei veri ricettacoli di rifiuti con una manutenzione pari a zero, marciapiedi ormai inesistenti e cumuli di rifiuti ovunque con il verde che non esiste più.”.

[nggallery id=324]

Come detto, vi sono ancora denunce riguardanti la raccolta porta a porta: per l’Alternativa “I cassonetti risultano ancora non tutti distribuiti, il lavaggio dei cassonetti settimanale a Settembre ancora non si è visto, la raccolta non viene effettuata entro le ore 12 per carenza di personale non ancora assunto secondo il numero previsto dal contratto ( perché si aspetta ancora?), gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande non possono tenere i cassonetti all’esterno poiché sanzionabili ai sensi dell’ordinanza sindacale, ma neanche all’interno poiché sanzionabili ai sensi delle leggi sanitarie ( ma il Sindaco non è anche avvocato?), i sacchetti distribuiti per la raccolta dell’umido sono di pessima qualità ed i prossimi molto probabilmente i cittadini dovranno acquistarli a spese loro”; e queste sono solo una parte delle critiche mosse dal Movimento.

Dopo ripetute sollecitazioni, proprio oggi, mercoledì 19 settembre alle ore 18.30, l’assessore all’Ambiente Francesco Lotito  incontrerà i  cittadini presso il ‘Club d’Argento’ sito in piazza Murri n.1, al fine di fornire dettagliate risposte ad alcune problematiche relative al nuovo servizio di raccolta differenziata porta a porta.

 

Michele Noviello

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here