Barletta, vicesindaco shock su Fb: «Cittadini porci e balordi». Replica di Stella Mele

3
265

Il giudizio espresso da Antonio Cannito, vicesindaco e assessore all’Ambiente, su alcuni suoi concittadini, quelli con l’attitudine all’inciviltà molto pronunciata, non è sfuggito a Stella Mele, segretaria provinciale de La Destra, che ha stigmatizzato il suo linguaggio offensivo, scatenando reazioni a catena nei barlettani. Ma cosa scrive Cannito sul suo profilo Fb? Ecco il post, come trascritto dalla Mele:

Ho trascorso la giornata lavorando fianco a fianco con gli operatori della Barsa, a loro i più sentiti ringraziamenti. Questa giornata é stata dedicata alla pulizia delle vie del centro storico e parte della periferia, abbiamo risolto il problema dei cattivi odori di via Enrico Fermi. I lavori proseguiranno questa notte con la pulizia delle vasche dei giardini della stazione e ancora trattamenti di lavaggio cassonetti..sto cercando in tutti i modi di elevare la mia città ad una delle più belle del meridione, purtroppo devo combattere contro chi pensa che Barletta debba essere una discarica a cielo aperto. A questi porci e maiali di concittadini che non amano la propria città l’invito é quello di andarsene da qui. Non abbiamo bisogno di gente balorda come voi. Animali!”

In sintesi, il messaggio è questo: da una parte c’è un amministratore che si fa in quattro, lavorando persino a fine agosto (!) pur di rendere più vivibile la città, dall’altra orde di cittadini barbari che la sporcano e che andrebbero respinti ai confini, prima che facciano altri danni.

Il primo commento che viene in mente è: per favore, se si tratta di uno scherzo di cattivo gusto, sia per i toni che per i contenuti,  avvisateci; facciamoci quattro risate e via.

Purtroppo invece pare che le dichiarazioni a mezzo Fb siano vere. E allora Stelle Mele replica così: «Sig. Vice-sindaco, la scelta dei termini utilizzati qualifica la persona che li utilizza. L’utilizzo del turpiloquio  e dell’insulto sono propri di persone con scarsa cultura e quando provengono da persone che hanno importanti cariche istituzionali qualificano ed evidenziano la poca cultura istituzionale delle persone stesse. Quelli che tu chiami “maiali, porci, balordi e animali” sono i cittadini che tu rappresenti e mi verrebbe da dire che “ogni popolo ha i governanti che si merita”, se non fosse che in realtà sono perfettamente consapevole che i cittadini di Barletta non sono né porci, né maiali, né balordi. Quanto alla pulizia delle strade e dei cassonetti non è un atto eroico, ma un preciso dovere di chi amministra la Città. Se esistono forme di mancanza di rispetto dell’ambiente da parte dei cittadini esistono a Barletta come in ogni altra parte d’Italia e del mondo… e compito di chi guida le comunità è sicuramente educare i cittadini all’amore e al rispetto del territorio. Insultare i cittadini esortandoli (come scrivi tu) ad andare via, non rientra fra le tecniche educative normalmente utilizzate. Si sa, però, che chi non sa cosa fare e cosa dire preferisce facilmente fare demagogia da quattro soldi o insultare. In merito alle discariche, infine, se è vero che Barletta non deve essere una discarica a cielo aperto (come tu giustamente temi), è anche vero che la città di Barletta non ha bisogno di politici che intendono amministrare discariche, che siano esse a cielo aperto o lottizzate nella Barsa, come, invece, pare proprio i Socialisti (il tuo partito di appartenenza) vogliano fare. Non possiamo quindi che augurarci di vedere in futuro una Barletta più pulita sia dalle cartacce, sia dai rifiuti, sia da politici che utilizzano il turpiloquio e i rifiuti per fare soldi e carriera». Nulla da aggiungere.

 

3 COMMENTI

  1. il sig.cannito invece ha perfettamente ragione e sulla sua espressione colorita nn posso ke essere daccordo sotto ogni punto di vista.xke’ facciamo skifo….siamo la vergogna dell’italia intera e mi permetto di metterni in stand-by canale 16……giusto x nn essere volgare…….ci siamo offesi.oh poverini……..ma se siamo una massa di delinquenti e monnezzari.ma adesso smettiamola…..e cerkiamo di recuperare il terreno perso…………facciamo tutti un mea culpa generico senza precisazione alcuna…………

  2. Vero, la Sig.ra Mele ha detto la sacrosanta verità: “Se esistono forme di mancanza di rispetto dell’ambiente da parte dei cittadini esistono a Barletta come in ogni altra parte d’Italia e del mondo”; anche se preferirei che si togliesse il condizionale.
    Altresì, tengo a ricordare alla Sig. Mele, che il Cav. Silvio Berlusconi, nella sua vete di Presidente del Consiglio, disse: “Non possono esserci così tanti coglioni che votano a sinistra”.
    Pertanto il turpiloquio, a mio modesto parere, viene utilizzato solo per far polvere. polvere atta a catturare l’attenzione.

  3. La sig.na Mele dovrebbe tornare a fare ciò che le viene meglio anzichè occuparsi di politica. Ci sono modi più intelligenti per farsi pubblicità, ad esempio iniziando a fare qualcosa per il territorio, anzichè lanciare attacchi politici mascherati da perbenismo. A prescindere dal partito di appartenenza non si può non condividere il pensiero di Cannito. Il fatto che il mondo sia pieno di maiali non cambia il fatto che lo siano, tanto meno li giustifica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here