Mercato Manfredonia, ambulanti Bat in assemblea: «Ricorso al Consiglio di Stato è dovere morale»

0
121

Queste le parole con cui gli ambulanti sono stati convocati  martedì 3 luglio, alle ore 19.00, per un’assemblea presso l’auditorium dell’oratorio salesiano in Corso Cavour ad Andria. Ad organizzare l’incontro le associazioni di categoria firmatarie del precedente ricorso al Tar Puglia. La bega tra operatori e Comune sipontino nasce su un’incomprensione: il mercato de facto è stato trasferito e non stabilito ex novo. “Per questo- dice Savino Montaruli di Unimpresa Bat, fra i promotori della vertenza giudiziaria e sindacale con il Comune – la sentenza sarebbe stata plausibile con un nuovo mercato non con il trasferimento. La sentenza è stata viziata e non rende Giustizia alle richieste degli operatori, fondandosi unicamente sulla decisione presa al tempo dalle associazioni di categoria, senza stabilire se il provvedimento sia entrato nel merito tecnico delle questioni poste dalle nostre associazioni. Di fronte ad una sentenza ingiusta non possiamo rimanere a guardare, mentre centinaia di colleghi hanno subito enormi danni”.

Ciò che aveva preoccupato al tempo gli operatori del Nord Barese era stata proprio la costituzione di un precedente; un precedente per il quale ogni Comune potrebbe decidere di anticipare o posticipare il giorno di svolgimento del mercato senza riferimento alle normative vigenti. Senza riferimento alle necessità dei singoli operatori, attori principali delle vendite cittadine.

Si attendono sviluppi, considerando anche la posizione del Sindaco di Manfredonia Riccardi: “mi rimetto come fatto in precedenza alla decisione degli organi giudiziari, anche se credo che il Consiglio di Stato non potrà che confermare l’esito della sentenza del Tar Puglia di Bari”; e la posizione delle Associazioni di categoria speranzose che con il ricorso al Consiglio si possa modificare l’esito della sentenza del Tar di aprile, con possibile valutazione degli elementi non riscontrati dai giudici baresi.

Michele Noviello

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here