Trani, Villa Dragonetti: sit in di protesta Usppi per licenziamenti e mancati stipendi

0
162

Il segretario generale dell’organizzazione sindacale, Nicola Brescia ha spiegato in una nota che la decisione di manifestare è stata presa “per protestare contro i licenziamenti di nove unità della cucina e del mancato pagamento degli stipendi: di maggio, il cento per cento; di aprile, il cinquanta per cento, e la tredicesima mensilità”.

Nicola Brescia e Lucia Paradiso, segretaria aziendale hanno sottolineato che l’Usppi (Unione Sindacati Professionisti Pubblico – Privato Impiego) con questo intervento vuole “stigmatizzare il comportamento dell’amministrazione della Casa Protetta Villa Dragonetti di Trani, che vede ancora una volta personaggi denominati parcellisti -che percepiscono due stipendi uno dall’ente di provenienza e l’altro da Villa Dragonetti – impegnati in vesti di caposala e infermieri, che contravvenendo alle più banali norme di natura contrattuale, impongono con vessazioni e ordini di servizio turni estenuanti e carichi di lavoro inaccettabili per i dipendenti, tra l’altro in un’aurea di discriminazione tra gli stessi”.

In conclusione di nota, scrive Nicola Brescia, l’Usppi “ritiene inaccettabile il clima di tensione che sovrasta i lavoratori, che destreggiandosi con salari al limite della dignità e incerti sulla possibile precarietà lavorativa – spiega – continuano a garantire con il loro prezioso operato, standard qualitativamente alti sul piano assistenziale e professionale della Villa Dragonetti”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here