Bisceglie, crisi Casa Divina Provvidenza: la Procura di Trani chiede il fallimento

0
202

A seguito delle verifiche contabili effettuate dalla Guardia di Finanza nel mese di aprile scorso, nell’ambito dell’inchiesta su una presunta truffa ai danni della Regione Puglia, con rette “gonfiate” versate per i degenti nell’Unità per la cura dell’Alzheimer, l’accertamento della voragine debitoria ha indotto a proporre istanza di fallimento.

Ammonta a circa 400 milioni di euro il totale dei debiti della struttura sanitaria biscegliese , verso lo Stato, l’ Inps e i fornitori.  Ieri pomeriggio si è svolta una riunione tra i sindacati Cgil, Cisl, Uil, Fials, Fsi, Ugl e Usppi ed i rappresentanti dell’Ente. Per questi ultimi, bisogna trovare alternative alla via della cassa integrazione, non più percorribile dati i tempi ristretti a disposizione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here