Cultura a Barletta, Nino Vinella: «La trovata della Commissione, la foglia di fico»

0
365

Nominata dall’amministrazione comunale, la commissione si riunisce, esamina la bellezza di 149 progetti pervenuti a rotta di collo da ogni parte d’Italia, stila un’apposita graduatoria di merito con voti sulle varie “materie” (sennò che commissione sarebbe…). Fine lavori dopo tre riunioni, raccomandazioni d’uso ed auspicio di tenerne conto nelle opportune sedi.

Moduli scaricati dal sito del Comune da riempire, faticaccia dei soci, timbri, firme, riunioni, chili di carta, la fila al quarto piano del Comune per presentare ogni cosa a posto nei termini della scadenza: pareva cosa seria, insomma… Anche il Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia, in rete con altri soggetti profit e non profit, aveva generosamente presentato il suo progetto “La Battaglia di Canne 2.0”, rievocazione storica del celebre fatto a cui si deve in tutto il mondo la notorietà del nostro sito archeologico, evento da attuare il 2-3 agosto (sabato e domenica) nei luoghi prescelti con apposito sopralluogo del responsabile nazionale invitato ad hoc, previsto impiego di 100 e passa rievocatori provenienti dalle più valide organizzazioni di archeologia sperimentale italiane, stage tematici, laboratori didattici, sfilata in città etc etc… Assoluta novità dalle nostre parti, incentivo alle visite ed alla conoscenza, stimolo turistico di gran richiamo. Come si era fatto in parte già nel 1999 col sindaco Salerno, ottenendo una oceanica marea di presenze: tremila persone in una sola serata. Conserviamo le foto.

Il tutto con la documentata richiesta di contributo al Comune, al netto di altre risorse finanziarie autogenerate con sponsor e quant’altro, di soli 9.000 euro, abbondantemente al di sotto del tetto massimo di euro 15.000 a cui la Giunta ed il Settore cultura si dovevano attenere stando a quanto pubblicamente dichiarato nella spending review. Che gioia!

Dall’ufficio cultura all’indirizzo mail del Comitato perviene però, in data lunedì 21/07/2014 ore 16.13, a nemmeno due settimane dall’ipotetico svolgimento, la seguente comunicazione: “Spett. le Comitato, anche quest’anno l’Amministrazione comunale le conferirà il Patrocinio per il 2230° Anniversario della Battaglia di Canne e anche i servizi (navetta, sorveglianza, pulizia e vigilanza). Siamo spiacenti di comunicarVi che, per il prossimo 2 Agosto, il progetto presentato nell’ambito dell’avviso pubblico promosso dal Comune che prevede tempi di organizzazione ed impegni finanziari che ad oggi non possono essere garantiti, sarà oggetto di attenzione nell’ambito degli interventi di valorizzazione del sito archeologico già avviati e che saranno meglio definiti nei prossimi mesi. Distinti saluti. Ufficio Cultura Tel.0883/578431-403”.

Panico. Disgusto. Rabbia… Messi di spalle al muro davanti al plotone di esecuzione, sventata la beffa di potenziali spese legali a rimborso la rievocazione dopo il danno, con 1.000 scuse ai 100 rievocatori, si ringrazia infine l’eminente prof. Mosig (University of Nebraska, esperto annibalico mondiale con biblioteca di oltre 8.000 volumi a tema). Il quale, scelta l’Italia e Canne della Battaglia per le sue vacanze di studio con la famiglia di sei persone, soggiorna a Barletta per una buona settimana in un bed and breakfast del centro storico dove ha speso bei dollari americani, e “salva” le celebrazioni per il 2230° anniversario della Battaglia di Canne con la sua brillante conferenza che, videoregistrata, sta adesso girando in tutto il mondo su youtube e facebook con migliaia di visualizzazioni e condividi. Gratis, ovviamente…

Chiedo a chi compete: ma questa benedetta commissione che valore ha avuto, visto che adesso spunta per la Disfida di fine settembre: è stata davvero la geniale “trovata” del secolo oppure l’ennesima foglia di fico ove nascondere altre verità inconfessabili come più volte denunciato dagli organizzatori del Barletta Jazz Festival?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here