A Bisceglie e Trinitapoli “Microbirth”, in anteprima mondiale il documentario sui misteri della nascita

0
472

Attraverso i pareri di autorevoli scenziati del regno Unito e del nord America MICROBIRTH analizza le moderne pratiche ostetriche utilizzate durante il parto e spiega come queste potrebbero interferire con processi biologici essenziali rendendo forse i bimbi più vulnerabili alle malattie.

Il film – spiega il co-regista Toni Harman – mostra come quel che accade al momento della nascita abbia ripercussioni sulla salute dei bambini e, potenzialmente, sul futuro dell’umanità. Vuole sensibilizzare i futuri genitori e gli operatori sanitari sull’importanza della contaminazione del microbioma dei neonati con i microbi della madre. Anche quando un parto naturale non é possibile e si deve ricorrere ad un taglio cesareo, l’immediato contatto pelle a pelle e l’allattamento dovrebbero essere incoraggiati e supportati nelle strutture mediche, per garantire un massimo scambio di microbi tra madre e bambino”.

MICROBIRTH é una produzione indipendente di Alto Films Ltd. Ed é diretto da una coppia di registi inglesi: Toni Harman e Alex Wakeford, genitori di una bambina di sei anni nata da taglio cesareo. Il film é stato autofinanziato grazie ad una campagna di crowd-funding Indiegogo.

Il progetto MICROBIRTH in PUGLIA nasce invece grazie all’associazione Rinascere al Naturale (Lecce) che attraverso un social forum ha lanciato l’idea ad un gruppo di mamme, ostetriche e associazioni pugliesi che gravitano attorno al mondo della nascita.

Michele Mininni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here