A “La Grande Storia” su Rai3 documentario del canosino Morra

0
487

Si tratta della conclusione di un progetto di documentario d’inchiesta iniziato qualche anno fa – racconta Morra – , quando negli archivi militari di Friburgo, avevo ritrovato i messaggi dei ricognitori tedeschi su Bari nei giorni precedenti l’attacco del 2 dicembre 1943. Su Bari, sui misteri dell’iprite, sulle misure di segretezza messe in atto dalle Forze Alleate, c’erano ancora domande che mi ponevo e alle quali ho voluto dare risposte attraverso le ricerche per il documentario. Ricerche svolte negli archivi italiani, tedeschi e inglesi – oltre alle interviste agli ultimi testimoni oculari ancora in vita – che rivelano errori, reticenze, disorganizzazione da parte degli Alleati.

Senza anticipare la visione del documentario, posso senz’altro anticipare che ci saranno molte sorprese rispetto alle conoscenze storiche sino ad ora acquisite”.

Sono particolarmente felice ed onorato di anticipare questa notizia, perché negli ultimi mesi ho mantenuto continui contatti con Francesco ed ho potuto visionare a Roma in anteprima parte del materiale raccolto – ha detto l’assessore al Turismo, Gianni Quinto -. La visione di questo documentario contribuirà a far luce su una tragedia che colpì la città di Bari il 2 dicembre del 1943 con oltre 1000 morti e che in molti decisero dovesse rimanere assolutamente segreta. Francesco Morra, apprezzato studioso e documentarista di storia contemporanea è stato tra l’altro autore del libro “I segreti di una incursione aerea” riferibili al bombardamento di Canosa del 6 novembre 1943. Con questo lavoro Francesco Morra, oltre a far luce su quel disastro chimico, contribuisce a legare storicamente alcuni eventi che nel 1943 videro Canosa relativamente unita alle sorti di Bari e di alcune città del nostro territorio”.

Desidero ringraziare alcune persone che hanno collaborato al progetto – ha aggiunto Morra -: Roberto Dall’Angelo, il produttore della SD Cinematografica di Roma, che ha creduto sin da subito nel progetto. Il fatto che il regista sia Fabio Toncelli – in assoluto uno dei migliori registi di documentari che ci siano oggi in Italia – testimonia della bontà e della qualità del progetto. Documentario impreziosito anche da eccezionali ricostruzioni in computergrafica di Luca Bonatti e dal montaggio di Tommaso Valente. Ci tengo inoltre a ringraziare George Southern, cannoniere sulla nave inglese HMS Zetland, testimone oculare presente a Bari il 2 dicembre 1943 e autore di un libro di memorie sul bombardamento. Lo ringrazio di cuore per il suo preziosissimo aiuto. George Southern è un eroe della Seconda Guerra Mondiale, medagliato proprio per le operazioni di soccorso messe in atto a Bari durante quella tragica notte, a rischio della propria vita.

E ringrazio Pasquale Trizio, già presidente dell’ANMI (Associazione Nazionale Marinai d’Italia) di Bari, che ha sempre creduto nel progetto e mi ha incoraggiato ad andare avanti”.

Francesco Morra ha altri ambiziosi progetti in cantiere. “Sto valutando la fattibilità iniziale di altri due misteri italiani della Seconda Guerra Mondiale; devo approfondire gli aspetti storici per valutare se posso dare una risposta alle domande che mi pongo; e inoltre valutare la fattibilità di realizzazione di un documentario perché comunque occorrono immagini e documenti visivi.

Poi mi piacerebbe molto sviluppare un’idea di documentario sperimentale su un episodio specifico della Storia Romana; ma in questo caso si tratta veramente solo di un’idea, che avrebbe bisogno di un certo budget. Ma vediamo, mai dire mai”.

E’ possibile visionare i primi due minuti di documentario cliccando sul link:

https://www.youtube.com/watch?v=RbxUL5ibGNI

e per il trailer lungo:

https://www.youtube.com/watch?v=LwTKnpYtUbg

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here