Barletta, restauro Eraclio: primi risultati del check up

0
315

Il “Progetto di manutenzione e conservazione della statua bronzea di Eraclio”, sarà presentato dai curatori, arch. Doriana De Tommasi e prof. ing. Giambattista De Tommasi e dal direttore dei lavori ing. arch. Fabio Mastrofilippo, alla presenza del sindaco Pasquale Cascella e degli assessori Giusy Caroppo e Azzurra Pelle.

Il progetto, che si svilupperà sotto l’alta sorveglianza della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Puglia e delle Soprintendenze per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Puglia e per i Beni Architettonici e per il Paesaggio per le Province di Bari, Barletta-Andria-Trani e Foggia, punta inoltre a verificare se le superfici della statua siano interessate e danneggiate da depositi di sporco, anche a causa dell’ubicazione del Colosso in una delle strade più trafficate della città.

La metodologia per il controllo dello stato di conservazione della statua assumerà i connotati di un vero e proprio laboratorio di studio e di ricerca in modo da prefigurare cicliche operazioni di controllo e di verifica nell’ambito di un programma più ampio di manutenzione.

Le superfici bronzee saranno ripulite con un particolare trattamento chimico-meccanico prestando massima attenzione a non danneggiare la patina superficiale del bronzo a cui sarà applicato uno specifico trattamento di protezione finale.

Particolarmente interessanti si prospettano le analisi all’interno del manufatto bronzeo, attraverso il rilievo laser-scanner, per constatare la presenza di eventuali cricche o microfessurazioni sulla superficie bronzea.

Gli interventi di manutenzione della parte interna della statua consisteranno nella verniciatura, ingrassaggio e riparazione delle cerniere della struttura con la raschiatura dello strato protettivo e il trattamento con carta smerigliata.

Intendiamo così tutelare e rivalutare – ha affermato il sindaco – uno dei simboli storici più rappresentativi della città. Il cantiere/laboratorio allestito attorno alla statua potrà costituire un nuovo elemento di interesse e di scoperta della struttura del Colosso. Un’occasione unica, insomma, per far sentire ciascun cittadino partecipe della ‘riscoperta’ di Eraclio”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here