Barletta, al via le riprese di Tognazzi per la fiction dedicata a Pietro Mennea “La Freccia del Sud”

1
416

La fiction sarà realizzata in 27 giorni di lavorazione, tra Barletta, Bisceglie e Bari, e sarà divisa in due puntate da 100 minuti. Il Consiglio di Amministrazione di Apulia film commission ha deciso per il finanziamento dell’Apulia National & International film fund (per le produzioni cinematografiche da realizzarsi in Puglia) con un contributo a Casanova Multimedia e Rai Fiction di 250mila euro, cui vanno aggiunti 142.169 euro di fondi Apulia Hospitality Fund. Questo nuovo omaggio al campione olimpico giunge a distanza di  due anni dal documentario “19/72 Diciannove e Settantadue” di Sergio Basso, che aveva ricordato degnamente il grande sportivo barlettano.

 

Fonte: Apuliacinema

1 COMMENTO

  1. Mi chiedo cosa avranno da raccontare di vero, sugli esordi sportivi di Pietro Mennea e della sua vicenda umana di quegli anni, forse i cugini, i parenti vari, gli allenatori, sono di per se bastevoli a raccontarla?, o forse per la” VERITA’ STORICA ” sarebbe stato meglio sentire i coprotagonisti di quegli anni memorabili, accanto a Pietro, durante gli allenamenti incessanti, le mille trasferte e le tante gare condivise, in modo da far emergere gli episodi di vita vissuta, le passioni, le situazioni ilari e meno. Ma come succede in queste cose, tutti salgono sul carro del vincitore, post mortis, gente squallida ed interessata che ha voglia solo di una vetrina ( politici compresi). Io per 5 anni ho gareggiato con il campione, con lui ho detenuto 2 records regionali nella staffetta 4 x 100 e 4 x 200 con la maglia dell’Avis Barletta, ho condiviso sudore e fatica degli allenamenti duri, talvolta fatti con i carichi naturali ( con Pietro sulle spalle e viceversa) sulla sansa del vecchio stadio Lello Simeone, prima sotto la direzione del prof. Autorino insegnante di educazione fisica presso l’ist. comm.le M. Cassandro e poi sotto quella del prof. Ciccio Mascolo, ma coloro che hanno gareggiato anni con Pietro e lo hanno frequentato assiduamente ( iN PRIMIS i fratelli Gambatesa Franco e Domenico, Albanese Sabino, Pinuccio Acquafredda, Salvatore Pallamolla) non sono stati mai interpellati e sono finiti nell’oblio, per dare spazio ai millantatori di una cronaca romanzata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here