Barletta, Maggio dei Libri alla Penna Blu: 4 appuntamenti dal 15 al 18 maggio

0
279

Giovedì 15 maggio: presentazione del libro “Nessuno mai potrà udire la mia voce”. Interverrano: Ninni Cosma, editore; Debora Riccelli, autrice; Tina Fiorentino, Presidente Associazione “L’altra voce”; Margherita Carlini, psicologa criminologa; Tina Ianniello, Presidente Associazione V.E.R.I. Modera la giornalista Floriana Tolve.

 

Venerdì 16 maggio: consegna del Premio Sicurezza “Nessuno dimentichi Abele”. Interverranno: Avv. Francesco Filograsso,  Presidente dell’Associazione “Nessuno dimentichi Abele”; Dott. Michele Ruggiero,– Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Trani; Capitano Andrea Iannucci, Comandante della Compagnia Carabinieri di Barletta; moderano: Avv. Luigi Peschechera, Associazione “Nessuno dimentichi Abele”; Antonio Norscia, Giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno.

 

Sabato 17 maggio: presentazione del libro “Il trabucco, tra storia e leggenda”. Interverranno: Angela Campanile, autrice del libro; Ferruccio Castronuovo, regista; modera il giornalista Nino Vinella.

Nelle ultime settimane, il clamore delle notizie di cronaca sulla scomparsa dell’ultimo Trabucco di Barletta dall’orizzonte della città marinara sul molo di Levante ha suscitato un forte movimento di opinione pubblica registrato dai Gruppi “Ricostruiamo il nostro trabucco!” e “Salviamo il nostro ultimo trabucco! Tutti insieme…”,spontaneamente creatisi sui social network e su Facebook in particolare.

Il movimento ha così attivato una significativa “presa di coscienza” popolare che, unitamente all’eco mediatica su tutti gli Organi di informazione su scala territoriale (giornali quotidiani, testate web, siti e blog su internet), ha contribuito a mantenere alta la soglia dell’attenzione sull’effettiva capacità e volontà concreta di salvare o ricostruire la testimonianza rappresentata a Barletta dal Trabucco di Levante.

Fornire veritieri elementi di conoscenza storica sull’arte della pesca coi Trabucchi e di valutazione nell’attualità della cronaca, dopo aver attentamente e responsabilmente considerato le future e positive ricadute nell’indotto turistico nonché avuto riguardo alla conservazione del Trabucco quale testimonianza dell’identità culturale di Barletta sul mare e attività collegate.

 

Domenica 18 maggio: presentazione del libro “La ballata di fratello sole e sorella luna”. Interverranno: Antonella Loffredo, autrice; Simonetta Mascolo e don Emanuele Tupputi.

Nei sogni si fanno strani incontri e può accadere che un Angelo decida di incontrare la sua piccola protetta per risvegliare il ricordo della sua presenza e mostrarle il Dono che già possiede, ma non sa di avere. Ed è proprio attraverso questa discreta ed invisibile presenza del suo Custode e alle sue tacite ispirazioni che Meridiana sfida la ragione e prende il coraggio per sondare la profondità del suo essere, attraverso l’amicizia inconsueta con Fratello Sole e Sorella Luna. Mediante le sue esperienze, vivendole e dando ad esse il giusto valore, scopre l’armonia esistente tra la materia e lo spirito, l’insegnamento che può dare il dolore, l’importanza della condivisione, la vita stessa nelle molteplici manifestazioni.

Ma sopra ogni altra cosa, Meridiana scorge l’amore incondizionato e premuroso di Dio verso ogni creatura, un amore che si manifesta in ogni istante della vita e che la cecità e superficialità non ci permette di guardare. Nella ricerca del significato dell’esistenza si accorge con stupore che “l’Infinitamente Grande” ha bisogno “dell’infinitamente piccolo” per poter sperimentare la Sua creazione e prende coscienza del suo ruolo nel mondo.

Si accorge che l’anelito che la spinge all’esplorazione della propria anima è una necessità comune a tanti suoi simili e che tramite il dialogo e il confronto delle varie esperienze esistenziali si può mettere a nudo la verità dell’essere, caratterizzata da zone di luce e zone d’ombra da trasmutare.

Constatando che l’insegnamento del Maestro Gesù Cristo è divinamente necessario oggi come lo fu allora, Meridiana decide con altri di improntare la vita, rispolverando quel fondamentale cristiano che rende la vita degna di essere vissuta fino in fondo e al fine si avvede che il Dono, rammentato dal suo Custode in un sogno, è lo stesso dono che possiede ognuno.

www.facebook.com/lapennablulibreria

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here