A Barletta Michele Placido per una lezione di cinema agli studenti

0
280

Una vera e propria ovazione ha accolto l’eclettico artista di origini pugliesi al suo ingresso nel teatro barlettano: la mattinata si è così presto trasformata in uno “spettacolo” senza precedenti, durante il quale gli studenti delle scuole superiori provinciali si sono trasformati da spettatori in attori, con domande, interventi e perfino esibizioni al cospetto del Maestro d’eccezione Michele Placido.

Ha dispensato consigli e raccontato i segreti di un mestiere da lui stesso definito di «artigianato, che si può imparare a teatro e nelle scuole. Perché il teatro è fatto di falegnameria, sartoria, luci, in cui l’attore è una delle componenti. Oggi purtroppo è tutto un po’ diverso: si pensa che chiunque appaia in televisione sia attore».

Testimonial della campagna di sensibilizzazione “Ambientiamoci” per la Provincia di Barletta – Andria – Trani, Michele Placido ha arricchito l’appuntamento mattutino parlando di rispetto dell’ambiente, invitando i ragazzi ad amare e rispettare le meravigliose ricchezze del proprio territorio. «Bene ha fatto la Provincia – ha spiegato l’artista – ad impegnarsi nel sensibilizzare i più giovani rispetto ad una tematica così importante, perché solo educando le giovani generazioni si può realmente modificare l’atteggiamento dell’uomo nei confronti dell’ambiente».

«Siamo grati a Michele Placido per aver voluto condividere assieme alla Provincia questo percorso di sensibilizzazione ambientale – ha invece affermato il Presidente della Provincia di Barletta – Andria – Trani Francesco Ventola -. E’ questa la dimostrazione dell’amore che un figlio della nostra Puglia riesce a nutrire nei confronti del territorio».

Sempre al Teatro “Curci”, questa sera alle ore 21.00, Michele Placido andrà in scena con lo spettacolo “Non escludo il ritorno…”, monologhi e canzoni di un cantautore poeta, Franco Califano: il ricavato dello spettacolo sarà interamente devoluto in beneficenza per sostenere il progetto “Senza Sbarre”, che prevede la nascita di una struttura di accoglienza residenziale e semiresidenziale di persone detenute, da realizzare presso la masseria fortificata “San Vittore” nell’agro di Andria.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here