Trani, progetto “Renkontiĝo – Incontri tra arte e territorio”: ecco i nomi dei vincitori

0
500

Il bando di concorso si è concluso lo scorso 16 marzo ed è stato un vero e proprio successo, avendo raccolto più di 130 adesioni, provenienti da 25 diversi Paesi del Mondo. Il 40% delle domande di partecipazione sono arrivate dall’Italia, seguita da Francia (22%), Spagna (8%) e Germania (7%). Tra i Paesi Extra Europei coinvolti ci sono Cina, Brasile, Thailandia, Australia, Canada e Giappone.

I progetti vincitori sono stati selezionati da un apposito comitato scientifico composto da: Serena Carbone, critico d’arte e curatore indipendente; Giusy Caroppo, critico d’arte e curatore indipendente; Gino Gianuizzi, curatore indipendente; Alfredo Pirri, artista;  Christine Farese Sperken, docente di storia dell’arte contemporanea all’Università degli Studi di Bari; Piero di Terlizzi, Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Foggia; e da i due ideatori di Renkontiĝo, Leonardo Regano e Liliana Serrone, entrambi storici dell’arte e curatori indipendenti.

 

 Renkontiĝo – Incontri tra arte e territorio” è un progetto realizzato con il sostegno della Regione Puglia e del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, vincitore del Bando “Principi Attivi 2012 – Giovani Idee per una Puglia Migliore”,  e con il patrocinio della Città di Trani e della Provincia di Barletta, Andria e Trani.

Renkontiĝo – Incontri tra arte e territorio” è un percorso di opere d’arte site specific da realizzarsi a Trani tra giugno e agosto 2014, volto alla fruizione e alla valorizzazione di alcuni luoghi simbolo della città, dando loro nuovo impulso vitale attraverso l’arte contemporanea.

Partendo dalla Villa comunale di Trani, zona di verde pubblico tra le prime realizzate in Puglia (1823), il percorso coinvolge alcuni storici giardini patronali, dischiusi tra palazzi e agrumeti, e dislocati in punti nevralgici della città, antiche zone di villeggiatura e diletto estivo, oggi in bilico tra centro e periferia della città in ampliamento.

I quattro artisti vincitori saranno ospitati in residenza per un periodo di circa un mese (6 maggio – 6 giugno) e dovranno realizzare due lavori, uno in autonomia e l’altro tramite workshop, in cui saranno coinvolte diverse realtà sociali presenti sul territorio (dalle scuole elementari, agli istituti artistici, dai centri ricreativi per anziani, alle associazioni locali di supporto alla disabilità).

 

BORIS CHOUVELLON (Saint Etienne, 1980):

Boris Chouvellon è uno scultore, fotografo, videoartista interessato all’analisi del territorio urbano, tra centro e periferia. Diplomato a Villa Arson (Nizza), è attualmente residente alla Cité International des Arts di Parigi, espone regolarmente i suoi lavori sia in Francia che all’estero. Di recente, il MACMusée d’Art Contemporain di Marsiglia gli ha dedicato una mostra monografica (2011). Ha esposto anche di cultura francese di Hanoï in Vietnam, a Toronto, al Salon de Montrouge, al Center for art and mediaArgos di Bruxelles, e ancora al Mac Val di Vitry.

 

MARTIN ROMEO (Carrara, 1986) & MARGHERITA FABBRI (Firenze, 1986);

Martin Romeo è un artista multimediale la cui ricerca è rivolta all’arte interattiva, spaziando tra videoinstallazioni e performance di danza. Suoi lavori sono stati esposti presso i Musei Capitolini alla Centrale Montemartini di Roma, all’ InsideOut Art Museum di Pechino, e a varie biennali tra cui la 54° Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia, all’interno del Padiglione Italia di Porto Vecchio a Trieste, e la 15° Biennale del Mediterraneo a Salonicco in Grecia. Come direttore artistico del Toolkit Festival di Venezia è riuscito a creare un punto d’incontro per l’arte interattiva in Italia.

 

Margherita Fabbri, laureata all’università IUAV di Venezia, città dove attualmente risiede, in Progettazione e Produzione di Arti Visive con la tesi: Tempi – Fare Facendo. “Un appuntamento fissato che continuamente viene rinviato. Un’attesa che si ripete davanti a un gesto che si dovrà compiere. Un’aspettativa fallita. Un gesto che sporca. Un gesto che infrange un silenzio piatto. Mi piace immaginare di dividere la mano dalla mente per ottenere due flussi distinti: quello di pensiero e quello del disegno. Un fare confuso, insicuro, debole, incerto. Un fare silenzioso. Un rito di conoscenza e di sperimentazione. Una cerimonia non annunciata.” Ha preso parte al progetto Free Home University nel paese di Castiglione (Puglia) con René Gabri e Ayreen Anastas.

 

SERGIO RACANATI (Bisceglie, 1982);

Sergio Racanati è interessato alle relazioni socio-politiche che si instaurano tra linguaggio artistico e contesto; così come ai processi di partecipazione alla forma arte, che nel contesto possono essere sollecitati. Artista multimediale e performer, si diploma in Design all’Istituto Europeo di Design di Milano nel 2004. Attualmente vive tra  Milano e Miami. Sergio espone regolarmente in Italia e all’estero, tra le sue ultime mostre monografiche si ricordano l’esposizione per l’Edge Zone Projects di Miami Beach (2013), a Milano per undo.net (2012), alla galleria Santa Reparata di Firenze (2012) e per il Museo Nuova Era, Bari (2011).

 

GIACOMO ZAGANELLI (Firenze, 1983)

Giacomo Zaganelli lavora sia come artista, impegnato in una ricerca al limite tra arte e architettura, interessato alle dinamiche creative dell’arte pubblica, sia come curatore. Nel 2005 fonda :esibisco. , un laboratorio collettivo nel quale promuove progetti partecipativi pensati per spazi urbani abbandonati. Tra i principali progetti d’arte pubblica a cui ha partecipato, si ricordano Tu sei qui, Udine (2013), Ecoismi 2013, Cassano d’Adda (Mi), il premio Creatività in Azioni della città di Firenze (2012), Amarelarte, Bari (2011).

 

Attraverso “Renkontiĝo – Incontri tra arte e territorio” l’Associazione culturale Area C | Contemporary Cultures si impegna a favorire la promozione e la diffusione dell’arte contemporanea e incoraggiare un nuovo contatto tra i cittadini e il territorio, un contatto rispettoso delle sue connotazioni storico-artistiche, ambientali e sociali.

Presidente dell’Associazione culturale Area C | Contemporary Cultures è Liliana Serrone, giovane storico dell’arte, da tempo impegnata nella ricerca e nello studio sui giardini coinvolti nel progetto, per promuoverne un recupero attento e rispettoso della storia del territorio.

Direttore artistico di “Renkontiĝo – Incontri tra arte e territorio” è Leonardo Regano, storico dell’arte e curatore indipendente, è interessato allo studio delle interrelazioni tra arte e territorio, e ha collaborato alla gestione e alla produzione di percorsi d’arte pubblica nel Sud della Francia, per conto dell’Associazione Voyons Voir | Art contemporain et territoire di Aix en Provence.

 

Partner

Comune di Trani, Provincia di Barletta Andria Trani, Fondazione Zétema, Eclettica Cultura dell’Arte, Accademia di Belle Arti di Foggia, ENS, Legambiente, Unitalsi, Coop Estense

 

Informazioni e contatti:

AREA C | CONTEMPORARY CULTURES

Associazione culturale

Viale Europa 17

76125 Trani  (BT)

+39 3474905514

info@renkontigo.com

www.renkontigo.com

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here