Barletta, in scena “Leonilde (Iotti) – storia eccezionale di una Donna normale”

0
380

“Prima donna a ricoprire la carica di Presidente della Camera dei deputati, nonché prima donna nella storia d’Italia a ricoprire una delle cinque più alte cariche dello Stato. Occupò la posizione  più alta di Montecitorio per tre legislature, dal 1979 al 1992, conseguendo un primato finora incontrastato nell’Italia repubblicana.” Forte , tenace ma soprattutto antifascista  con una formazione prettamente cattolica, che nel corso degli anni  lei stessa mise in discussione battendosi per il riconoscimento dei figli illegittimi e del divorzio , Nilde Iotti è stata parlamentare a soli 26 anni, membro della Commissione dei 75” che diede vita alla Costituzione,  divenne poi primo presidente della Camera  donna. Dalla sua vita si trae un ritratto della politica italiana del Novecento: dal Fascismo alla seconda Guerra Mondiale, dalla Resistenza alla nascita delle Repubblica sino alla conquista dei diritti delle donne.

“Rimase orfana del padre Egidio (ferroviere e sindacalista socialista) nel 1934. Si laureò in lettere all’Università Cattolica di Milano. Ebbe tra i suoi professori Amintore Fanfani e fu per qualche tempo insegnante ma decise di abbandonare la professione quando maturò un profondo spirito antifascista che la convinse ad occuparsi di politica.

“Dopo l’8 settembre 1943 si iscrive al PCI e partecipa alla resistenza,  svolgendo inizialmente la funzione di porta-ordini, poi aderendo ai Gruppi di Difesa della Donna, formazione antifascista del PCI, diventando organizzatrice e responsabile.Fu presidente dell’Unione Donne Italiane di Reggio Emilia. Nel 1946 viene candidata dal Partito Comunista Italiano e viene eletta all’assemblea costituente.

Nello stesso anno inizia a Roma una relazione con il Segretario Nazionale del PCI, Palmiro Togliatti, di 27 anni più anziano (già marito di Rita Montagnana e padre di Aldo), che terminerà soltanto con la morte del leader comunista, nel 1964. Il loro legame diviene pubblico nella contingenza dell’attentato del 1948. Togliatti lascia per lei moglie e figlio, decisione che fu dura da accettare per i militanti del PCI. Insieme chiesero e ottennero l’affiliazione di una bambina orfana, Marisa Malagoli, sorella minore di una dei sei operai uccisi in uno scontro con le forze dell’ordine il 9 gennaio 1950, a Modena, nel corso di una manifestazione operaia.”

Con luci soffuse, una valigia anni 30, libri, lettere sparsi sul pavimento  e  un cappotto che ricordava quello donatole da suo padre  prima della morte, la  Cescon  ha interpretato in questa scenografia   con il suo timbro di voce intenso e carismatico, il monologo “Leonilde – Storia  Eccezionale di una Donna Normale” (tratto dall’omonimo testo edito Bompiani)   dedicato a Leonilde  Iotti  e conclusosi sulle note del canto popolare  antifascista “Bella ciao”.   “Non posso rifiutare” sono state poi le ultime frasi ricordate dalla Iotti e proferite dal suo amore proibito Palmiro Togliatti un istante prima di morire; un legame quello con il leader di Botteghe Oscure,  mai accettato dalla Chiesa e  dal Partito Comunista di cui entrambi erano membri.

Ad applaudire la Cescon  c’erano anche i ragazzi del liceo scientifico Cafiero di Barletta; lo spettacolo sarà in scena ancora questa sera a Barletta, alle 18 e alle 21,  mentre domenica 9 marzo l’attrice che ha recitato anche per la serie tv “Braccialetti rossi”  si esibirà  con lo stesso monologo a Corato.

Dora Dibenedetto  http://www.barlettaedintorni.it/

[nggallery id=902]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here