Barletta, i “Pugliesi per l’Italia Unita” incontrano Anita Garibaldi

0
207

I lavori saranno aperti e coordinati  da Nuccia Cafagna, Presidente del Rotary Club di Barletta, che ospita l’importante evento.

Interverrano:

-Dott.ssa ANITA GARIBALDI,  pronipote del leggendario Giuseppe Garibaldi;

-Dott.ssa ANGELA PICCA, studiosa di storia del Meridione e autrice del libro: “Pugliesi per l’Italia Unita”.

 Sono passati tre  anni dalle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia  nel 2011. E c’è chi non ha ancora dimenticato come la ricorrenza fu segnata dalle proteste di chi, come i militanti della Lega Nord, riteneva non ci fosse nulla da festeggiare, dividendo il paese e denigrando i sacrifici di chi pagò con la vita il sogno di un Paese unito. Ma c’è anche chi quella storia e quell’identità le ha sempre ricordate.

E chi si fa ancora oggi testimone di uno dei personaggi simbolo del Risorgimento, ovvero Giuseppe Garibaldi. La sua pronipote Anita, giornalista pubblicista, è discendente in linea diretta di Giuseppe e Anita Garibaldi, dal nonno Ricciotti e dal padre Ezio Garibaldi.

Angela Picca, invece, professoressa di lettere, attenta cultrice dei personaggi e della storia meridionale,  autrice di varie pubblicazioni  di carattere storico, in particolare nel suo libro “Pugliesi per l’Italia unita” fa eco entusiasticamente ad un messaggio che viene da lontano, come ha scritto nella prefazione al volume Alessandro Laporta, «e lo diffonde amplificandolo a mille , grazie alle voci dei tanti patrioti pugliesi che animano le pagine del suo bellissimo libro».

Il convegno tratterà anche dell’analisi critica del fenomeno dell’unificazione italiana, in cui vari autori e personaggi politici si sono espressi con interpretazioni spesso diverse ma accomunate da una visione critica di fondo. Il processo di revisione iniziò già nell’immediatezza dell’unificazione italiana. In epoca successiva, si segnalano i contributi critici di numerosi meridionalisti, tra cui Piero GobettiAntonio GramsciGaetano Salvemini e tuttora tale fenomeno è oggetto di dibattito da parte di un certo numero di revisionisti.

E’ prevista inoltre la partecipazione del Sindaco di Barletta e delle autorità civili, militari e religiose del territorio; così come di docenti e studenti delle istituzioni scolastiche .

Sarà naturalmente data al pubblico presente in sala la possibilità di porre quesiti specifici ai relatori : seguirà quindi uno spazio per interventi e dibattito .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here