A Barletta Kledi e il Balletto di Roma: “Contemporary Tango” al Curci

0
337

Protagonista della serata sarà il famoso ballerino Kledi Kadiu che, dopo aver fatto parte del prestigioso Corpo di Ballo dell’Opera di Tirana, ha raggiunto una enorme notorietà grazie alla partecipazione , in qualità di primo ballerino, a programmi televisivi, senza mai trascurare il palcoscenico teatrale, dove continua ad esibirsi con crescente e meritato successo delle produzioni delle più importanti compagnie italiane di danza,insieme al Corpo di Ballo del Balletto di Roma le coreografie e la regia dello spettacolo sono invece di Milena Zullo mentre i 12 danzatori si esibiranno sulle note di brani di compositori come Francisco Canaro, Lucio Demare, Juan D’Arienzo, Carlos Gardel, Astor Piazzola, Osvaldo Pugliese, Anibal Troilo e Angel Villoldo.

Lo spettacolo, attraverso l’uso del linguaggio contemporaneo, vuole raccontare un ballo: il tango sociale, che sempre di più sembra diffondersi nel nostro pianeta. Segnale ulteriore del fenomeno della globalizzazione che ancora una volta anche in questo ambito, come nel linguaggio della danza tutta, contamina, unisce, condivide. Il Tango sociale vissuto non più semplicemente come un ballo, con i suoi passi tipici, ma capace di divenire “racconto” di un modo di sentire tanto diffuso e così capace anche di percorrere con la sua musica ormai tutti i continenti della terra. L’opera creata per il Balletto di Roma esplora una nuova contaminazione tra il linguaggio contemporaneo ed il “minimalismo” dell’incontro tra corpi che parlano di tango: incontro di un linguaggio popolare e sociale con il più ricco e variegato modulo del balletto. Lo spettacolo narra l’abbraccio del tango, dentro il quale si colmano bisogni, aspettative, sogni, desideri e  oblii, un abbraccio che ciascuno esprime arricchendolo del proprio sé e portando in esso tutta quella memoria, consapevole e non, che la vita gli ha tracciato nel corpo. Attraverso un rito che si consuma sempre uguale, in ogni dove, attraversando il tempo, la sala da ballo, propriamente detta Milonga, detta un codice di comportamento, attraverso il quale prende forma il ballo. L’uomo e la donna si ritrovano, come dentro una scatola nuova, superando ogni confine dentro quel mistico abbraccio, ritrovando in se stessi virilità e femminilità, che in questo ballo non hanno crisi di individualità.

Quella di domenica sarà una serata veramente particolare , in un teatro, trasformato in una milonga assisteremo ad uno spettacolo intenso e passionale, capace di toccare le corde più intime del nostro sentire.

Info 0883 332456 – 380 3454431 www.culturaemusica.it – info@culturaemusica.it

[nggallery id=904]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here