Barletta, “I Giorni della Sfida”: al Curci si celebra l’Italia, dritta e storta

0
316

Lo spettacolo ha previsto una serie di monologhi, reading e riflessioni  interpretati  da nomi di rilievo nel panorama nazionale e locale, quali: Michele Placido, Pietrangelo Buttafuoco, Stefano Livadiotti, Pino Micol, Manuela Mandracchia, Giuliano Foschini, Pinuccio, Betty Bee, Elena Cotugno. Il tutto Tenuto assieme da La Tana Piccolo Ensemble  musicale composto da:  Papaceccio, Serena Brancale, Francesco Cespo Santalucia, Nik Seccia, Toto Giornelli, Marco Valerio.

Più che raccontare dei giorni della Sfida, lo spettacolo ha quindi concentrato riflessioni sotto forma di citazioni e interpretazioni tratte dei più svariati autori italiani; con una parentesi più talk durante l’intervista di Giuliano Foschini a Stefano Livadiotti, giornalista di lungo corso de L’Espresso;  ed una più humor, con la telefonata alla suocera di Pinuccio.

Il collage risultante dipinge l’IItalia di ieri e oggi, passando dallo stereotipo dello spaghetto e mandolino a questioni più politiche che non potevano dimenticare: l’abbandono di Letta e l’argomento crisi.

 Il reading di Michele Placido inizia con citazioni da Montanelli a Pasolini a Churcill, accompagnato dalla voce espressiva di Elena Cotugno culmina poi in una parte recitata che si mixa ad alcune rivisitazioni, tra cui quella tratta da La Meglio Gioventù di Giordana, in quella celebre scena durante la quale l’insegnante chiede all’alunno, in sede di esame: “Lei promette bene…cosa vuol fare? Qualsiasi cosa decida, se ne vada. L’italia è un posto bello, destinato a morire…” “Quindi secondo lei verrà un’Apocalisse?” “Magari avvenisse, saremmo costretti a ricostruire”.

Intorno a questo evento il programma della Disfida nel complesso si è occupato di mostre di costumi originali e fotografiche, cortei e percorsi evocativi e altri eventi legati alla tradizione enogastronomica dislocati per le sedi della città, riscontrando partecipazione presente ma ancora modesta rispetto alla ondata di turismo che la manifestazione nel complesso avrebbe potuto stimolare, considerando il potenziale di risonanza del celeberrimo evento storico e l’opportunità di risorse e proposte investibili a questo scopo.

Mirella Vitrani

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here