A Barletta concerto “Solisti e Soundiff Orchestra” dedicato a Mozart

0
260

Soundiff nasce dal progetto vincitore dell’edizione Principi Attivi 2012 ed ha l’obiettivo di consolidarsi e ampliarsi nel tempo per divenire laboratorio permanente per la ricerca musicale e la valorizzazione dei giovani talenti presenti sul territorio. La serata musicale , dedicata all’amatissimo e celeberrimo compositore austriaco Wolfgang Amadeus Mozart, vedrà l’esibizione del pianista barlettano Raffaele Leopoldo Mansi e del violinista Alessandro Cazzato che si cimenteranno nell’esecuzione di due dei concerti più belli per pianoforte e orchestra e per violino e orchestra del grande Amadeus, diretti magistralmente dal maestro Salvatore Campanale.

Ad aprire la serata , con il famosissimo Concerto n° 23 in La maggiore KV 488 di Mozart , il pianista Raffaele Leopoldo Mansi, artista eclettico e ricco di fantasia, che continuamente si cimenta in progetti nuovi lasciandosi coinvolgere totalmente dalla musica che ama. Il concerto che il pianista Mansi ci proporrà, fu composto per le Accademie Viennesi della Quaresima del 1786. Tra i concerti di Mozart, questo è forse il più amato e contende al KV 466 la palma del più eseguito. Caratterizzato da una espressività più misurata, sia dal punto di vista del contenuto virtuosistico che da quello della ricchezza strumentale: l’organico, infatti, si limita solamente agli archi, flauti, clarinetti, fagotti e corni, il concerto si apre con un primo tempo (allegro) che ha un grande respiro sinfonico e raggiunge vertici melodici di rara bellezza., seguito da un Adagio limpido e altamente espressivo,in cui predomina il pianoforte solo, fino a concludersi con un “Allegro Assai” in cui solista e orchestra ccontuinuamente dialogano fra di loro in un rincorrersi vorticoso di suoni e melodie che ritorneranno poi nella testa degli ascoltatori che si troveranno coinvolti totalmente dall’allegria sprigionata da questo intenso dialogo…

Raffaele Mansi, giovane pianista, si diploma presso il conservatorio “N. Piccinni” di Bari con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore per le inedite qualità timbriche e interpretative sotto la prestigiosa guida del Maestro Francesco Monopoli. Partecipa a numerose masterclasses pianistiche in Italia e all’estero studiando con maestri di fama internazionale (A. Delle Vigne, C. Giudici, E. Mangiullo, A. Ciccolini) ottenendo unanimi consensi di pubblico e di critica. Vincitore di numerosi primi premi e primi assoluti in concorsi pianistici nazionali ed internazionali, ha tenuto numerosi concerti in Italia e all’estero. Nel 2013 ha inoltre conseguito brillantemente la laurea in Giurisprudenza d’impresa presso l’Università degli Studi di Bari.

La seconda parte del concerto sarà invece dedicata al violino con l’esecuzione del Concerto per violino e orchestra n° 5 in La maggiore KV 219 di Mozart che è certamente il più eseguito dei concerti per violino del compositore ed in esso lo strumento solista è trattato con maestria (non si dimentichi che Mozart era un valente violinista). La bellezza melodica, la forte contrapposizione dei singoli movimenti, l’uso sicuro delle possibilità espressive dello strumento rendono questo concerto molto interessante, nonostante Mozart lo avesse composto a soli 19 anni.

Ad esibirsi sarà il violinista barese Alessandro Cazzato, violinista di grande spessore che si è esibito nell’ambito di importanti Stagioni Concertistiche in tutt’Italia . Il concerto che comincia con un “Allegro aperto” vede unaintroduzione abbastanza prolungata col tema iniziale che viene esposto due volte; un adagio di poche battute vede poi l’entrata del solista. Si sviluppa un tema energico, schietto; la ripresa del soggetto iniziale, con qualche modulazione, chiude il movimento. L’Adagio del secondo movimento, propone invece una melodia di elevato lirismo per intensità e concentrazione; per qualche momento si percepisce, appena, una malcelata inquietitudine. Il concerto si conclude con un “Rondò, tempo di minuetto” in questa parte , con decisione il solista suggerisce il tema e invita l’orchestra a seguirlo; durante l’esposizione dei temi appare di tanto in tanto qualche segmento del primo movimento. Con il trio, Mozart introduce un tocco di esotismo tzigano, molto in voga all’epoca. La ripresa del minuetto chiude con brio il concerto. Alessandro Cazzato, violinista, nato nel 1988, si diploma e perfeziona con lode sotto la prestigiosa guida del M° Franco Mezzena. È vincitore di primi premi e primi assoluti in numerosi Concorsi Nazionali ed Internazionali. Ha al suo attivo numerosi concerti sia in qualità di violino solista che in diverse formazioni cameristiche per importanti organizzazioni musicali e culturali italiane ed estere. Laureato con 110 e lode in Lettere e Filosofia presso l’Università degli Studi di Bari, è autore di saggi di letteratura e musica. Attualmente insegna Violino al Conservatorio “T. Schipa” di Lecce.

A dirigere l’Orchestra Soundiff sarà il m° Salvatore Campanale, artista pugliese , diplomatosi presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari, con il massimo dei voti, in Direzione d’Orchestra, Composizione e Strumentazione per Banda, che vanta importanti collaborazioni con il Teatro Lirico di Cagliari, Teatro Petruzzelli, Collegium Musicum, Orchestra della Provincia di Bari, Orchestra Filarmonica “Mihail Jora” di Bacau, esibendosi con solisti di fama internazionale sia nell’ambito musicale che in quello teatrale.

Si accede su invito. Per informazioni e prenotazioni 324.7994620 o info@soundiff.com.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here