500 No al Mibact, professionisti dei beni culturali in piazza a Roma per la dignità del lavoro

0
160

Un bando definito dal presidente dell’Associazione nazionale archeologi, Salvo Barrano, “ un insulto alla dignità del Lavoro, al Merito e alle Competenze dei Professionisti, alla Cultura Italiana: è un insulto alla dignità del lavoro perché, sotto il sigillo della Repubblica Italiana, maschera con il termine “tirocinio” la più becera forma di sfruttamento e di lavoro precario sottopagato: “un’indennità di partecipazione, al lordo, di 5000 euro annui, comprensiva della quota relativa alla copertura assicurativa”. Vuol dire 3,50 all’ora”.

Per rivendicare il diritto all’occupazione e a soprattutto al rispetto della dignità professionale, sabato 11 gennaio si terrà a Roma la manifestazione nazionale dei professionisti dei beni culturali che hanno aderito all’appello  lanciato dall’Associazione Nazionale Archeologi lo scorso 11 dicembre.

Per la prima volta tutti i professionisti dei beni culturali – hanno aderito oltre 25 sigle, tra associazioni, organizzazioni di categoria, associazioni accademiche e culturali – scendono in piazza uniti per chiedere buona occupazione nei beni culturali: archeologi, archivisti, bibliotecari, demoetnoantropologi, diagnosti, restauratori, storici dell’arte.

La manifestazione si svolgerà in piazza del Pantheon dalle 10,30 alle 14,00, con interventi dal palco da parte di professionisti e rappresentanti di categoria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here