Bisceglie, “Paesaggio e Archeologia Industriale in Puglia”: intervento del prof. Monte

0
244

Architetto dal vasto curriculum, impiegato presso l’Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali del CNR di Lecce, coordinatore regionale dell’AIPAI (Associazione Italiana Patrimonio Archeologico Industriale), docente del corso di Architettura del Paesaggio e del Patrimonio Industriale presso la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici di Matera e del Master in Conservazione, Gestione e Valorizzazione del Patrimonio Industriale, presso l’Università di Padova, il prof. Monte non è nuovo a Bisceglie, dove ha già visitato alcuni esempi di archeologia industriale tra cui il frantoio ipogeo di via Volta.

Insieme al prof. Monte, che illustrerà il il suo lavoro e alcuni esempi di recupero e musealizzazione di siti archeologici industriali tra i numerosi da lui curati, relazioneranno il dr.  Ferdinando Di Cesare (Archeologia Industriale e Politiche giovanili, esperienze a confronto: Barletta, Terlizzi, San Vito dei Normanni) e l‘arch. Alessandro Prospero (Paesaggio Urbano: esempi di Archeologia industriale a Bisceglie).

Presenzieranno all’incontro il Sindaco Francesco Spina e il Vice Sindaco e Assessore all’Urbanistica Vittorio Fata, che testimonieranno ancora l’intenzione dell’amministrazione di approcciarsi ai temi della tutela del territorio.

“Vi invitiamo a partecipare a quest’incontro, che si propone di costituire un passo successivo -o se vogliamo aggiuntivo- rispetto allo spirito fortemente critico che ha caratterizzato finora le attività di BVE: ovvero portare a Bisceglie un contributo tecnico e professionale che possa essere d’ispirazione non solo a chi pianifica e gestisce il territorio, ma anche a tutti quei cittadini, imprenditori e proprietari non sempre pienamente consapevoli delle potenzialità alternative che il Patrimonio Storico Urbano biscegliese può offrire in armonia con i concetti di “Paesaggio” e “Sviluppo” che l’UNESCO ha voluto celebrare in tutto il mondo in questa settimana”, si legge nella nota dell’associazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here