Bisceglie, convegno Gal Ponte Lama sulla Programmazione 2014-2020

0
211

Diverse saranno le Istituzioni rappresentate con cui si potrà già avviare una costruttiva fase di confronto sulla materia: Commissione europea, DG Agri, European Association for Rural Development (ELARD), Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, Assessorato alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, INEA Puglia.

L’obiettivo generale del convegno è confrontarsi sul futuro del programma LEADER all’interno della programmazione 2014-2020, inquadrare l’attuale regolamentazione comunitaria e, soprattutto, l’evoluzione dello stesso per il prossimo settennato.

Ad aprire i lavori di Francesco Carlo Spina, sindaco della città di Bisceglie, che saluterà i presenti per poi passare il testimone a relatori d’eccezione.

In particolare si è pensato di affidare ad esperti come Leonardo Nicolia, componente DG Agri, e Valentina Spinelli del MIPAAF, l’approfondimento delle tematiche trasversali relative al Programma LEADER e al Community Led Local Development (CLLD), nel quale avranno un ruolo cruciale i GAL. Ai rappresentanti regionali quali l’Autorità di Gestione del PSR Puglia, Gabriele Papa Pagliardini, e al Responsabile Regionale INEA, Pierpaolo Pallara, il compito di fotografare lo stato dell’arte delle scelte programmatiche a livello regionale alla luce del Quadro Strategico Comune (QSC) ed dell’Accordo di partenariato. Il vicepresidente di ELARD, Radim Srsen, invece, illustrerà alcune best practice di altri GAL europei impegnati nell’attuazione di programmi integrati oltre il LEADER. A seguire l’intervento dell’Europarlamentare, Sergio Silvestris, che illustrerà le sfide della nuova Politica Agricola Comune, altro pilastro del bilancio comunitario.

Le conclusioni del convegno, patrocinato dall’Ordine dei Dottori Commecialisti di Trani e dall’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali di Bari, saranno affidate all’Assessore regionale alle Risorse Agroalimentari, Fabrizio Nardoni.

Si tratta di una preziosa occasione per informarsi sulle novità del prossimo quadro finanziario pluriennale 2014-2020 e per assicurare continuità allo sviluppo del nostro territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here