Barletta, “Mal’Esseri”: presentazione libro di Saverio Capozza

0
193

Saverio Capozza, classe 1987, è un autore andriese al suo esordio letterario. Oltre che scrittore, è musicista, suona infatti il basso. Grande appassionato di lettura, considera Dostoevskij e David Foster Wallace i suoi riferimenti letterari primari.

 La sua raccolta di racconti è caratterizzata da un’ambientazione quasi esclusivamente pugliese,  pur mescolando i paesaggi rurali (spesso  murgiani) a scenari metropolitani. La scrittura è caratterizzata da un linguaggio molto diretto e autentico, carico di neologismi, avverbi e influenze del dialetto pugliese.

Un pugno o un calcio nello stomaco. Sensazione variegata ma netta. Sfumature di piombo. Arriva diretto ed è seguito da un attimo di stasi, un nulla sensitivo. Dopo, un dolore preciso eppure espanso, che lievita nelle viscere. Poi è necessario piegarsi in due morsicandosi le labbra. Visivamente è come immergere l’aspirina in un bicchiere d’acqua: quiete seguita dallo sfrigolio delle bollicine; e c’è sempre uno schizzo che raggiunge il viso. Così è questa raccolta di racconti. Le storie di Saverio Capozza prendono a pugni proprio perché arrivano per rimanere, come lividi impressi sulla pelle di chi sale sul ring con lui.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here