Trinitapoli, Donne Democratiche: legge sul femminicidio, due giornate di sensibilizzazione

0
182

Si parte con un convegno sabato 19 ottobre, alle ore 10, presso l’Auditorium dell’Assunta che avrà tra i relatori, la deputata del Partito Democratico, Michela Marzano, scrittrice e direttrice del Dipartimento di scienze sociale all’Università Sorbona e Descartes di Parigi, il giudice penale del Tribunale di Trani, Francesco Messina e Cristina Muoio, psicologa e psicoterapeuta del Consultorio Familiare E.C.C.I.A.S.S.di Trinitapoli. A moderare il convegno Donato Piccinino, consigliere comunale e promotore dell’adesione del Comune di Trinitapoli alla campagna nazionale “365 giorni No alla violenza” voluta dal Comune di Torino e dall’ANCI.

Domenica mattina, dalle 10.30, in Via Vittorio Veneto ci saranno iniziative di sensibilizzazione con gazebo informativo, open space e letture animate oltre che un flash mob organizzato dalla ASD Gymansium Wellness.

Abbiamo promosso queste giornate di sensibilizzazione – commenta la portavoce della Conferenza Donne Democratiche di Trinitapoli, Mina Giannino – per dare luce e spazio ad una tematica che, purtroppo, è l’attualità con cui dobbiamo confrontarci. Gli importanti relatori che prenderanno parte al convegno ci daranno gli elementi per focalizzare l’attenzione su diverse sfaccettature del problema oltre che riflettere con maggiore convinzione e certezza anche a seguito dell’approvazione della legge in Parlamento: è un passo importante nelle politiche di contrasto alla violenza di genere. La Conferenza Donne Democratiche vuole essere un presidio sul territorio per informare e condividere percorsi e come luogo di incontro, di formazione, di collaborazione, di esercizio di democrazia paritaria.

L’iniziativa ha avuto anche il patrocinio di www.postooccupato.org, un gesto concreto dedicato a tutte le donne vittima di violenza. Ciascuna di quelle, prima che un marito, un ex, un amante, uno sconosciuto decidesse di porre fine alla sua vita, occupava un posto a teatro, sul tram, a scuola, in metropolitana, nella società. Questo posto vogliamo riservarlo a loro, affinchè la quotidianità non lo sommerga.

Michele Mininni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here