A Canosa di Puglia il Walking Tour per le Giornate Europee del Patrimonio: Italia tesoro d’Europa

0
245

L’iniziativa, nel corso degli anni, ha assunto una tale rilevanza che nel 1999 il Consiglio d’Europa e la Commissione Europea ne hanno fatto un’azione comune, con l’intento di potenziare e favorire il dialogo e lo scambio culturale, al fine di aumentare la consapevolezza dei cittadini nei confronti della grande ricchezza che la diversità culturale genera all’interno dell’Europa. Si riaffermano, insieme agli altri Paesi europei, radici culturali e storiche comuni, fondamentali per elaborare progetti e strategie tese a salvaguardare, tutelare, far conoscere e tramandare  il grande patrimonio culturale dell’Italia e di tutta l’Unione.

Il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo anche quest’anno ha promosso e organizzato sull’intero territorio nazionale iniziative volte a valorizzare ed evidenziare i contenuti della cultura e del Patrimonio italiano, con l’obiettivo di condividere con altri Paesi europei le comuni radici continentali.

Per l’occasione la Fondazione Archeologica Canosina, in collaborazione con la società cooperativa Dromos.it, ha inteso aderire con una propria attività già inserita nel programma Puglia Open Days,  sostenuto dall’Assessorato al Mediterraneo Cultura e Turismo della Regione Puglia tramite l’Agenzia Puglia Promozione. Si tratta del Walking Tour, un itinerario pedonale, guidato e tematico, nel centro storico cittadino alla scoperta di scorci suggestivi, di siti e musei archeologici, di tracce tangibili della plurimillenaria storia di Canosa di Puglia “Città d’Arte e di Cultura”, in programma sabato 28 settembre, dalle ore 20,00 alle 23,00. Il tragitto “Canosa….indietro nel tempo” è finalizzato a ripercorrere a ritroso i periodi storici che hanno caratterizzato la città pugliese alle rive del fiume Ofanto.

Si partirà dalla Basilica Cattedrale San Sabino, le cui ultime modifiche strutturali risalgono all’Ottocento, per andare ancora indietro nel tempo, al periodo medievale: con l’Ambone di Acceptus, la Cattedra Vescovile di Romualdo, il Mausoleo di Boemondo, passando al periodo paleocristiano, suggestivamente rappresentato dalla cupola, recentemente portata alla luce, sino ad arrivare al periodo imperiale, con il reimpiego dei marmi provenienti dal tempio romano dedicato a Giove Toro. Sarà visitata una domus nella tappa successiva per ammirare non solo la struttura di una tipica casa romana con atrium dotato di impluvium e compluvium, ma anche il mosaico bicromo con emblema centrale. Il percorso proseguirà lungo Corso San Sabino, ove sono presenti epigrafi di epoca romana ormai inserite pienamente nel tessuto urbano, fino a giungere presso Palazzo Iliceto, nel centro storico della città, che espone la mostra “La città di pietra e di marmo” con pezzi lapidei di epoca romana  e una mostra di epoca dauna “Tu in Daunios”, con pregevoli pezzi vascolari e bronzei provenienti dai corredi di alcuni ipogei canosini.

Le  visite termineranno in uno degli ipogei più conosciuti di Canosa: Lagrasta, di epoca dauna, famosi per gli apparati architettonici scolpiti nel tufo. Come di consueto le guide accoglieranno i turisti al punto informazione (IAT) in Piazza Vittorio Veneto dalle ore 20,00 in poi per intraprendere i percorsi stabiliti fino alle ore 23,00. E’ consigliata la prenotazione al n. 333 8856300, attivo tutti i giorni (dalle ore 9,00 alle ore 13,00 e dalle ore 15,00 alle ore 19,00). La cultura alla portata di tutti con ingressi gratuiti nei musei, nei siti archeologici, nei luoghi d’arte, per valorizzare ed esaltare i contenuti dell’immenso patrimonio italiano e  condividere con gli  altri Paesi europei le comuni radici storiche. Valori culturali e storici in un processo di crescita civile e di promozione sociale dei territori, autentiche  risorse per lo sviluppo economico degli stessi.

Bartolo Carbone

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here