Barletta, la conosce su Facebook e inizia lo stalking: 87 telefonate in 4 ore, arrestato

0
307

Nella mattinata di sabato la Polizia di Stato ha arrestato un 28enne barlettano, con precedenti di polizia, per minacce e resistenza a P.U. A seguito di una segnalazione al 113, gli agenti del Commissariato di Barletta intervenivano presso una abitazione ove era stata segnalata una persona violenta che stava tentando di sfondare la porta di una abitazione a calci. Sul posto si trovava infatti la persona segnalata che con violenza sferrava calci alla porta d’ingresso di un appartamento. Con difficoltà gli agenti riuscivano ad allontanare il giovane dalla porta e ad identificarlo, ma questi dopo aver riferito che non avrebbe mai desistito dall’intento se non dopo aver parlato con una ragazza che era all’interno, nuovamente iniziava a sferrare calci alla porta.

Nel tentativo di bloccare l’azione violenta, gli agenti erano strattonati dall’uomo, che però veniva fermato. La famiglia presa di mira dall’uomo, usciva dall’appartamento e riferiva di essere vittima di continui atteggiamenti stolkizzanti rivolti nei confronti della figlia. La giovane donna raccontava di aver già sporto denuncia per atti persecutori. La ragazza  riferiva di aver denunciato che, circa un anno fa, mentre era seduta in un bar con un gruppo di amici, le si  avvicinava un ragazzo che non conosceva, il quale le diceva di averla conosciuta attraverso Facebook. Da quel momento in poi, il ragazzo aveva cominciato nei suoi riguardi una escalation di atteggiamenti persecutori, dapprima con assillanti e continue telefonate giunte sulla sua utenza,  seguite da sms  e successive minacce telefoniche di aggressioni fisiche se l’avesse incontrata per strada.

La vittima nella stessa denuncia riferiva che, per paura di essere malmenata, suo malgrado, aveva deciso di rispondere alle telefonate nell’intento di far calmare il ragazzo. Tuttavia tale escamotage non sortiva l’esito sperato dalla vittima. Più di recente mentre si trovava in spiaggia, era stata avvicinata da lui e minacciata.

Gli atteggiamenti vessatori attuati nei confronti della ragazza  trovavano il loro epilogo sabato mattina, allorquando dopo aver cominciato a molestare telefonicamente e con sms la donna sin dalle prime ore del mattino, decideva poi di recarsi personalmente dietro la porta di casa della famiglia della vittima per prenderla a calci e pugni nell’intento di entrare nell’appartamento per costringerla a parlare con lui. Da una verifica effettuata dal personale di polizia, venivano constatate che dalle ore 04:00 alle 7:50 il ragazzo aveva effettuato 87 chiamate telefoniche verso l’utenza della donna. Dopo le pratiche di rito l’uomo veniva condotto presso il Carcere di Trani.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here