Andria, 5 rapine in un giorno: arrestato ladro seriale 22enne

0
240

Il soggetto agiva travisato da un passamontagna e armato di un taglierino con il quale ha minacciato sia i titolari dei bar e delle sale giochi dove si è recato, sia i clienti che, spaventati, gli hanno consegnato dei soldi.

Nell’’ultima rapina, ha ferito alle braccia un 77enne ed una ragazzina di appena 15 anni, la quale, intervenuta per difendere l’’anziano, ha subito dei tagli alle braccia e, a seguito di un calcio in faccia infertole dal rapinatore, una frattura al setto nasale; i due recatisi presso il vicino nosocomio, sono stati dimessi con prognosi di 5 e 25 giorni.

I cittadini impauriti, hanno allertato il numero d’’emergenza 112, che ha immediatamente attivato le ricerche e coordinato le pattuglie esterne.

Il malfattore è stato rintracciato presso la sua abitazione, dove, per garantirsi la fuga, non ha esitato ad aggredire i militari intervenuti, che tuttavia lo hanno immobilizzato e tratto in arresto. Parte della refurtiva è stata recuperata e restituita all’’avente diritto.

Su disposizione della locale Procura presso la Repubblica di Trani, il ragazzo è stato associato alla locale casa circondariale. Plauso dalla popolazione per la rapida ed efficace conclusione della vicenda.

Appresa la notizia dell’arresto, il sindaco Nicola Giorgino ha dichiarato: “Ringrazio i militari della Compagnia dei Carabinieri di Andria – afferma il Sindaco di Andria, avv. Nicola Giorgino – per aver individuato in modo celere e repentino l’individuo che, nella mattinata di domenica, ha seminato il panico nel centro cittadino compiendo diverse rapine e ferendo due cittadini. Alle due vittime di questa insensata aggressione esprimo tutta la mia vicinanza a nome dell’Amministrazione Comunale e dell’intera comunità cittadina. In particolar modo alla ragazza quindicenne, che avrò modo di incontrare a breve di persona, va tutto il mio apprezzamento per aver mostrato grande coraggio ed alto senso civico nel cercare di difendere un anziano, anche lui vittima delle violenze del malvivente fermato dai carabinieri”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here