Trinitapoli, Provincia di Foggia citata in giudizio per l’incidente mortale dei carabinieri Ragusa e Fatone

0
543

La Provincia di Foggia ha affidato incarico legale per la difesa in giudizio. Prima udienza (non più a Manfredonia, causa soppressione della sezione distaccata) negli uffici giudiziari del tribunale di Foggia il 14 ottobre prossimo.

Da quanto emerse dalle indagini, non furono riscontrati al tempo segno di frenata sull’asfalto né tantomeno urti del mezzo contro altre autovetture o parti fisse (guardrail, muri a secco, etc.).

I due militari – in servizio da tempo presso il Comando Stazione di Zapponeta – rimasero vittima di un tragico sinistro sulla Strada Provinciale n. 73 il 28 aprile 2011 mentre eseguivano il trasferimento, presso il deposito del tribunale di Foggia, di alcune armi sequestrate nel territorio municipale. Alla cerimonia a Zapponeta presenziarono S.E. Mons. Michele Castoro, Vescovo di Manfredonia, l’ex Prefetto di Foggia dott. Giovanni Monteleone insieme ai più alti rappresentanti dell’Arma dei Carabinieri in Provincia di Foggia: il Generale di Brigata Comandante della Legione Puglia Aldo Visone, il colonnello Antonio Diomeda (già del comando provinciale di Foggia), il Capitano Federico Fazio del comando dei carabinieri di Manfredonia insieme ai colleghi di Fatone e Ragusa della stazione di Zapponeta. In rappresentanza della Polizia l’ex Questore di Foggia dott.ssa Maria Rosaria Maiorino, il Vice Questore Luciano di Prisco – Dirigente il Commissariato P.S. di Manfredonia. In rappresentanza della Guardia di Finanza il colonnello Giuseppe Lubranocomandante provinciale di Foggia insieme al Tenente Enrico Della Valle, già del Comando di Manfredonia. Presente anche il presidente dell’Associazione dei carabinieri di Manfredonia dott.Michele Trotta. Partecipazione anche dell’ex procuratore capo di Foggia, dott. Vincenzo Russo, dei Sindaci e dei rappresentanti delle amministrazioni di Trinitapoli, Manfredonia e Margherita di Savoia, insieme ai parenti ed agli amici dei due carabinieri.

 

Michele Mininni

Fonte: Stato Quotidiano

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here