Barletta, bracconieri a caccia di quaglie: ritrovati nell’agro cittadino richiami vietati

dora dibenedetto
1
1582

Le condizioni climatiche favorevoli di  questi giorni  hanno favorito il passo migratorio di numerose specie di avifauna ed in particolare delle quaglie, pertanto quasi tutti i timer erano impostati per far funzionare i richiami da una fascia oraria tra le 23.00 e le 05.00 affinché la selvaggina  fosse attirata e fucilata dai  bracconieri.

Tempestiva è stata  la denuncia contro  ignoti,  per il reato di esercizio venatorio illecito con  mezzi non consentiti dalla legge nazionale e regionale; i richiami sono stati  successivamente consegnati all’autorità giudiziaria competente per la distruzione.

Le guardie particolari giurate volontarie hanno funzioni di pubblici ufficiali, di polizia amministrativa (e di polizia giudiziaria per il settore ittico e zoofilo con competenza territoriale provinciale).

“Il bracconaggio elettromagnetico alla quaglia e’ molto diffuso, tant’e’ che in pochi anni si e’ registrata una drastica diminuzione del numero di questi animali, nonostante l’Unione Europea considera la quaglia animale in declino” – ha affermato il vice capo del Nucleo Ruggiero Porceluzzi – Sarebbe opportuno  che all’interno dei Circoli o delle Associazioni Venatorie venga svolta un attiva campagna in favore del rispetto delle norme del settore, della legalita’ e della buona etica della nobile arte venatoria”. – ha concluso  il vice capo .

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO