Procura di Trani, inchiesta agenzie rating: Ministero Giustizia Usa chiede gli atti

0
311

L’indagine era stata avviata dopo un esposto presentato a varie procure d’Italia da parte delle associazioni dei consumatori Adusbef e Federconsumatori, e al momento conta cinque indagati per il filone Standard&Poor’s e tre per Fitch, due manager dell’agenzia che ha sede a Parigi e il legale rappresentante in Italia della stessa società.

L’ipotesi di reato contestata dai magistrati tranesi Carlo Maria Capristo e Michele Ruggiero  è manipolazione pluriaggravata e continuata del mercato finanziario.

L’inchiesta pugliese potrebbe aver acceso un faro sui presunti abusi delle citate agenzie di rating, una vicenda sulla quale anche la giustizia statunitense finalmente pare voglia fare chiarezza. Dopo aver respinto un anno fa la richiesta di collaborazione dei nostri magistrati, nei giorni scorsi Heric Holder, ministro della Giustizia Usa,  ha infatti chiesto ufficialmente, tramite i canali diplomatici, di poter acquisire tutte le 8.000 pagine degli atti della procura di Trani.

Grande soddisfazione viene espressa dalle associazioni dei consumatori che hanno dato il via al procedimento. In una nota  Adusbef e Federconsumatori dichiarano che “le pieghe che sta assumendo la vicenda delle inchieste sulle agenzie di rating dimostrano come le ‘microscopiche’ Adusbef e Federconsumatori, insieme alla ‘minuscola’ Procura di Trani ed al Pm Michele Ruggiero, abbiano colpito al cuore il sistema, riuscendo a smuovere i meccanismi speculativi a livello mondiale”.


 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here