Canosa di Puglia, festa patronale: sequestrate scarpe e borse contraffatte, valore 3 mila euro

0
339

“Dal 31 luglio al 2 agosto – ha dichiarato il vicecomandante della Polizia Municipale, Francesco Capogna – oltre a svolgere con professionalità il monitoraggio e controllo del territorio, nel susseguirsi di manifestazioni civili e religiose che si sono tenute in occasione della festa patronale, gli agenti del Comando di Polizia Municipale di Canosa di Puglia hanno provveduto al sequestro di oltre 60 paia di scarpe e diversi borselli contraffatti (in foto). La merce è stata sequestrata durante i controlli organizzati e pianificati preventivamente dalla Polizia Municipale in diverse fasce orarie.

I prodotti sequestrati riportavano segni distintivi e marchi delle più note case di moda. Dell’avvenuto sequestro è stata immediatamente informata l’autorità giudiziaria. L’ipotesi di reato sono commercio di prodotti con segni falsi e frode in commercio. Il valore della merce e’ di circa 3.000 euro”.

“Queste operazioni – ha sottolineato l’assessore alla Polizia Municipale, Vincenzo Princigalli –, ricordo da ultimo il fermo di un individuo accusato di furto aggravato e resistenza a Pubblico ufficiale, sono il risultato di un rinnovato impegno tendente a dare priorità al controllo del territorio ed alla sicurezza dei cittadini, come obiettivi imprescindibili per il rilancio economico e turistico della Città. Desidero ringraziare pubblicamente la Polizia Municipale ed il vicecomandante, Francesco Capogna, per aver saputo dimostrare, anche in questi giorni d’estate nei quali si moltiplicano e si sovrappongono sul territorio condizioni di particolare vulnerabilità ed emergenza, doti umane e professionali non comuni, spirito di servizio ed abnegazione riuscendo, anche tra enormi difficoltà, ad assicurare un servizio sempre ineccepibile.

Un ringraziamento doveroso va anche alle Forze dell’Ordine: alla Polizia e all’egregio dirigente, il vice Questore, Arturo Rutigliano, ai Carabinieri guidati dal Comandante, Savino Silecchia e alla Guardia di Finanza con i quali abbiamo ritrovato preziosissime sinergie”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here